O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 5 aprile 2020

Servizio speciale coronavirus: inchiesta a Parma e non solo

COME PASSANO IL TEMPO I PARMIGIANI
BLOCCATI IN CASA DAL COVID-19
Chi sta ai fornelli e chi fa videochiamate con i parenti - Chi scrive un libro e chi segue online i concerti dei Berliner - Chi porta a spasso i parmigiani, ma virtualmente e chi prega cinque volte al giorno - Chi fa tortelli dolci e chi si consola con i suoi trofei

di ACHILLE MEZZADRI
Non avrei mai immaginato di tornare a fare un’inchiesta, dopo tanti anni, su Pramzanblog. Ma il coronavirus, o meglio il covid-19, aguzza l’ingegno e chiedere ai miei tanti amici della mia città come passano il tempo in queste settimane (o mesi?) di arresti domiciliari, mi è parsa una buona idea per riaprire il mio filo diretto con gli amici e nello stesso tempo per tornare a fare il giornalista. Telefonata dopo telefonata non soltanto ho appreso come stanno ma ho anche scoperto, o riscoperto, i loro “vizi e virtù” che non conoscevo prima, quando li frequentavo. Non sto qui a fare la lista di chi ho contattato, perché sarebbe troppo lunga. Ecco i loro racconti, uno per uno....

Nessun commento: