O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 13 aprile 2020

"Pensiero libero": il virus del copia-incolla

IL VIRUS DEL COPIA-INCOLLA
L’emergenza mondiale del coronavirus, oltre alle comprensibili preoccupazioni, ha riportato d’attualità la moda dei neologismi e degli anglicismi -
Giornalisti, politici e tanti personaggi pubblici, fanno da megafono, semplicemente “copiando” termini usati per la prima volta da qualcuno - Ecco così la pioggia di “lockdown”, “smart working”, “il covid-19”,
“sure”,  “dpcm”, “cpap” - Non ci si capisce più niente

In un periodo difficile come quello che tutto il mondo sta vivendo, è certamente un problema minore quello che mi accingo ad affrontare: i termini astrusi che ci sentiamo buttare addosso dalle tv, dagli scienziati, dai politici, dai giornalisti. Termini spesso incomprensibili da chi non ha studiato lingue o economia, anche perché ogni giorno ce ne propinano di nuovi, in alcuni casi perfino da far scompisciare dalle risate. Come per esempio il Covid residence, che dovrebbe indurci alla pietà, all’ansia e che invece ci fa chiedere: ma chi può aver avuto un’idea così cretina? Purtroppo il virus del copia-incolla non ha anticorpi, non ci sono vaccini, e avanza imperterrito da anni. Adesso, grazie o per colpa del coronavirus, sta conoscendo un periodo di massimo contagio.
Vogliamo cominciare da lockdown? A occhio abbiamo capito tutti che significa stare reclusi in casa, anche se il governo nelle sue comunicazioni lo indica come “misure di contenimento”. E comunque... 

Nessun commento: