O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 31 gennaio 2020

Giornalismo, Tv, cinema: ma quante cose sa fare (bene) Majo, addetto stampa del Parma

GABRIELE MAJO ATTORE NEL FILM SU LIGABUE
Il noto giornalista parmigiano, ora responsabile delle relazioni esterne del settore giovanile e femminile crociato, ha fatto il suo debutto di attore nel film "Volevo nascondermi" sul pittore Ligabue, che arriverà nelle sale il 27 febbraio
(a.m.) Mi ha fatto molto piacere la notizia che il 27 febbraio arriverà nelle sale cinematografiche il film Volevo nascondermi, dedicato alla figura del pittore naïf Ligabue. Ci si può domandare: come mai? Perché la parte del protagonista è interpretata da Elio Germano, uno dei più bravi attori italiani? Perché il film sarà in concorso al 70° Festival del cinema di Berlino? Niente di tutto questo. Il mio gradimento personale deriva dal fatto che in Volevo nascondermi, diretto dal regista bolognese Giorgio Diritti, c'è spazio per un "cameo" del giornalista parmigiano Gabriele Majo, ex capo ufficio stampa del, Parma calcio, ora responsabile delle relazioni esterne del Parma che verrà, cioè il settore giovanile e femminile crociato. Sì, Gabriele, mio caro amico fin dai tempi di Pramzanblog, quindi da una decina d'anni, in questo film ha debuttato come attore e addirittura si vede il suo intervento perfino nel trailer.
La passione di Majo per il set era nota: era già apparso come comparsa in Baciato dalla fortuna, nella Certosa di Parma, in Un giorno all'improvviso, in Fai bei sogni, ma mai finora gli era stato chiesto di recitare una parte, seppur piccola. L'ha fatto invece il regista Diritti e Majo ha accettato con entusiasmo. Poi, con professionalità da attore consumato, ha imparato perfettamente la parte del padrone di casa del castello di Padernello, scopritore e magnate di Ligabue. La scena con Majo è stata girata il 28 maggio 2018 alla Corte Castiglioni, storica corte lombarda fortificata di Casatico, frazione di Marcaria, in provincia di Mantova. Insomma, che dire? Felice per Majo e ansioso di vedere il film. Complimenti all'amico Gabriele, che ai tempi di Pramzanblog, fece parte anche del "Superblog-pramzàn", una specie di joint-venture in salsa parmigiana.
Da leggere anche: l'articolo su Stadiotardini.it