O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 15 gennaio 2019

"Pensiero libero": a proposito della parmigianità

Molti, ma molti anni fa, un caro amico e collega, Giuseppe Barigazzi, mi portò al “Parmigiano”, un ristorante di Milano che non c’è più e dove si mangiavano squisiti tortelli d’erbetta, per conoscere Antonio Guerci, Console della Famìja Pramzàna a Milano. L’intento era quello di farmi entrare di striscio per dare una mano nel Consolato meneghino. Fui lusingato, ma feci capire senza indugi che il caro Console, simpaticissimo e arguto, non poteva contare su di me perché per Gente giravo l’Italia - e non solo - e avevo spesso la valigia pronta, la mattina non sapevo dove avrei dormito la sera. Molti anni dopo il destino ha voluto che, sul mio Pramzanblog, scrivessi proprio della chiusura ufficiale del Consolato milanese, che avvenne quando il 21 ottobre 2012, il Console Guerci e il suo Gran Ciamberlano Franco Guaglione vennero a Parma a riconsegnare lo Stendardo. Poi il 12 luglio dell’anno seguente, a 91 anni, morì anche Guerci. Si era chiusa definitivamente un’era. L’era della parmigianità dilagante, quando i parmigiani strajè erano tanti, sparsi in tante città della penisola e anche all’estero ed erano in gran parte legati dal senso di appartenenza, che li portava ad aggregarsi, a ritrovarsi in svariate occasioni, S.Ilario, la Rozäda, al Cestén ‘d Nadäl… Nella storia della Famìja ci sono stati Consolati a Milano...
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: