O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 15 aprile 2014

L'Editorialino: Tamara una "vedova nera"? Ma va…. (dove è finito il giornalismo?)

E PER “IL GIORNALE” TAMARA BARONI
DIVENNE UNA “VEDOVA NERA”.

1 commento:

bedo 1° ha detto...

Signor Direttore, non posso che concordare con lei che, purtroppo ora molto spesso, certi "articolisti" che vorrebbero essere dei giornalisti, scrivono delle stupidate illeggibili.
Il giornalismo e' una cosa molto seria, da una parte deve fotografare una realta', ma dall'altra dev'essere la corretta lettura ed interpretazione di quella realta' e qui ci si gioca il titolo di bravo o meno bravo giornalista.
Gli altri non sono nessuno, addirittura, modificando la realta' delle cose, rappresentano l'esatto contrario del giornalista, non parliamo poi degli sbruffoni che riempiono di fotografie o "pseudonotizie" giornali o blog, che non sono nemmeno citabili...., sono solo dei perditempo....