O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 27 aprile 2014

I retroscena di un clamoroso scoop giornalistico di 34 anni fa

COSÌ DIVENTAI LO "ZIO" DEI SEI GEMELLI GIANNINI
L'ARTICOLO È SU MEZZADRI&CO.

3 commenti:

bedo 1° ha detto...

Molto bella questa storia, un fatto veramente eccezionale e averlo vissuto cosi' da vicino, averne ottenuto un'esclusiva mondiale, e' stato un successo di quelli che vanno ricordati... mi ha anche colpito il collega che dichiaro' di avere il "passaporto" solo per "fregarle" il servizio e il viaggio a Praga..., purtroppo ce ne sono ancora tanti, di personaggi cosi'...

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.