O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 26 dicembre 2013

Pramzanblog chiude i battenti (o quasi)

PRAMZANBLOG SE NE VA PER VARI MOTIVI: LEGGETELI
Dopo oltre cinque anni e mezzo di onorato servizio il giornäl-bloggh tutt pramzàn cessa le pubblicazioni regolari - Rimarrà sul web affinché non sia buttato al vento il prezioso archivio e sarà aggiornato solo saltuariamente - Va in quasi pensione Pramzanblog, ma non il suo fondatore, Achille Mezzadri, che, mentre si dedica con maggiore impegno alla sua nuova attività di autore di commedie e di canzoni, su una nuova piattaforma sta per aprire un nuovo sito - In questo articolo, se avrete la pazienza di leggerlo dalla prima all’ultima riga, vi spieghiamo il perché di questa scelta

6 commenti:

bedo ha detto...

Carissimo Direttore, quante ragioni e considerazioni valide!!!
Ti assicuro pero' che mi dispiace molto, non dico altro!!!

Fabio F. ha detto...

Mi dispiace molto! seguiremo il prossimo blog allora, ;)

Anonimo ha detto...

Peccato Achille, ci viene a mancare una interessante voce Parmigiana!
Seguiremo con attenzione il (quasi...) ed il prossimo blog.
Angelo

bedo ha detto...

Signor Direttore,
su Pramzanblog ho trovato servizi inediti ed argomenti culturali bellissimi, unici, che mi hanno sempre fatto un enorme piacere leggere; Pramzanblog e' per me come un forziere di preziosi e di quando in quando lo apro ed ammiro, con rinnovato piacere, i suoi contenuti.
Vorrei potesse tornare indietro su questa decisione, la citta' di Parma si sente orfana, lei e' un Padre che Parma non puo' perdere!
La seguiro' con immenso piacere sul suo nuovo blog, ma mi piange il cuore quando mi siedo ed apro il mio pc e vedo la bellissima icona di Pramzanblog, il blog di cui lei scrive "chiude i battenti (o quasi)" e penso e vedo, purtroppo, quando clicco ed apro il blog, che questa vita vitale si sia spenta... (o quasi)...

Gabriele Majo ha detto...

In bocca al lupo per la nuova avventura, Superdirettore, ma non gettare via le chiavi del forziere di Pramzanblog, un patrimonio della comunità pramzàna.

A parte che pramzànblog potrebbe essere il raccoglitore delle cose da mezzadri pramzane...

Tà ben e tgnemoss vist

Gabriele Majo (www.stadiotardini.it)

bedo ha detto...

Bravo Gabriele Majo!
Anch'io volevo proporre una soluzione che possa tenere unite le due iniziative; quella che Pramzanblog, dopo essere stato il contenitore di cose specifiche di Parma, si trasformi in un contenitore piu' grande, perche' diventato insufficente: il contenitore di fatti italiani e del mondo, viste da uno Superstraje' di Parma, il nostro amatissimo Direttore, non dico Superdirettore perche' per me esiste solo lui...