O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 6 novembre 2013

Nuova rubrica di Pramzanblog: "Il dizionario dei parmigiani" di Baldassarre Molossi -1-

I RITRATTI PARMIGIANI DI MOLOSSI
Nel decennale della scomparsa (avvenuta il 2 ottobre 2003) dell'indimenticabile direttore della Gazzetta di Parma dal 1957 al 1992, Pramzanblog ha l'onore di ripubblicare alcuni dei ritratti che Molossi fece dei parmigiani nel suo "Dizionario dei parmigiani grandi e piccini (dal 1900 a oggi)", pubblicato nel 1957 - Cominciamo con la "scheda" del musicista Giusto Dacci, che dedicò la sua vita a quello che sarebbe diventato poi il "Conservatorio Boito"
LEGGETE LA SCHEDA DI GIUSTO DACCI

Nessun commento: