O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 28 novembre 2013

La favola di Pepén dall’inizio ai giorni nostri -2-

GINO FERRARI: "DA OLTRE 50 ANNI
FACCIAMO RIVIVERE IL MITO DI PEPÈN"
Raccontiamo in due puntate la storia della celebre paninoteca di borgo Sant’Ambrogio - Oggi rievochiamo il secondo periodo, dal 1962 ai giorni nostri, attraverso i ricordi di Gino Ferrari, che rivelò il negozio da Pepèn Clerici quando lui si trasferì con la famiglia nel Tigullio
di ACHILLE MEZZADRI
* SECONDA E ULTIMA PUNTATA*
Sembra ieri. Al buz ‘d ‘na volta l’é sémpor al medesim buz. Ma da quel buz, come allora, escono ancora profumi e parmigianità. Perché “Sanremo è Sanremo”, ma anche “Pepèn è Pepèn”. Un mito che supera i decenni e cavalca le generazioni. Eravamo rimasti, nella puntata precedente, a Giuseppe Clerici, il Pepén doc - quello d’origine controllata - che nell’ottobre del ’62 con la moglie Lidia Del Monte e i figli Luigi e Franco, dopo un mezzo collasso decise di lasciare la stressante attività di borgo Sant’Ambrogio per trasferirsi in Liguria, nel Tigullio, e precisamente a Bocco di Leivi. Ma non l’avrebbe fatto se non avesse...
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: