Canzone natalizia del dicembre 2011 dedicata a tutti i parmigiani. Testo e musica di Achille Mezzadri, arrangiamento di Roberto Barrali, Coro delle Voci Bianche della Corale Verdi diretto da Beniamina Carretta. Produzione dell'allora (poi defunto) "Superblog pramzàn" (Pramzanblog di Achille Mezzadri, Parmaindialetto di Enrico Maletti e Stadiotardini.com di Gabriele Majo). Con: Vittorio Adorni, Luciano Armani, Monica Bertini, Mauro Biondini, Alberta Brianti, Robi Bonardi, Paolo Bucci, Giancarlo Ceci, Carlo Chiesa, Claudia Corbani, Zaira Dalla Rosa Prati, Tonino Fereoli, Armando Gabba, Gino e Dino, Gabriele Majo, Enrico Maletti, Corrado Marvasi, Achille Mezzadri, Alberto Michelotti, Edda Ollari, Maria Francesca Piedimonte, Victor Poletti, Francesca Strozzi, Paola Sanguinetti, Lorenzo Sartorio, Maurizio Trapelli (Al Dsèvod, secondo la grafia della Famìja Pramzàna), Daniele Villani, Paolo Zoppi. Riprese di Steve Mezzadri e Pietro Maletti. Montaggio di Steve Mezzadri. Sigle di Pietro Maletti. Realizzazione del video nella Sala Gandolfi della Corale Verdi.

O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 27 novembre 2013

La favola di Pepén dall’inizio ai giorni nostri -1-

LUIGI CLERICI: "PEPÉN, MIO PADRE"
Raccontiamo in due puntate la storia della celebre paninoteca di borgo Sant’Ambrogio - Oggi rievochiamo il primo periodo, dal 1945 al 1962, attraverso i ricordi di Luigi Clerici, il primogenito dei leggendari Pepèn e Lidia - “Oltre ai panini i miei genitori proponevano anolini pasticciati, tortelli, gnocchi” - “Papà inventò anche un richiestissimo servizio di catering” - “Nel 1962 scelse l’esilio volontario nel Tigullio, ma diceva sempre: po tornèmma a Pärma” - “A Bocco di Leivi riuscì a parmigianizzare i liguri”
di ACHILLE MEZZADRI
* PRIMA PUNTATA*
Ci vorrebbe una guida turistica che trattasse la paninoteca Pepèn di borgo Sant’Ambrogio alle stregua di Duomo, Battistero, parco Ducale, Teatro Farnese, San Giovanni, Camera di San Paolo, Palazzo del giardino, Cittadella, Teatro Regio e via di questo passo. Perché Pepèn non è una paninoteca bastachessia. È piuttosto un monumento, un trionfo di profumi, una gioia per il palato. Insomma, l’essenza stessa della parmigianità. Questo capolavoro lo inventò, nel 1945, Giuseppe Clerici, detto appunto Pepèn, fratello dei celebri attori Italo e Giulio, che aveva al suo fianco una donna straordinaria, Lidia Del Monte, volto, mani e cuore da rezdóra. Una storia dal profumo di Parma che vogliamo raccontare in due puntate perché …….
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

2 commenti:

Massimo il Panaco ha detto...

che post spétacolär a 'm vén bélè fama

ACHILLE MEZZADRI ha detto...

Anca a mi