/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 30 novembre 2013

Cór crozè - L'opinione di Michelotti dopo Parma - Bologna 1-1

CME S' FA A VÉNSOR MIGA 'NA PARTIDA COMPAGNA?
PARMA - BOLOGNA 1-1 A gh'é da dir subitta ch'j àn zughè da can. Cme s' fa a vénsor miga cóntra 'na scuädra in déz par méza partida? A són deluz bombén. Gara difficile, tesa, déz amonì, vón casè fóra… a m' són miga divartì. E po j ò anca zbaljè previzjón n' ätra volta. Adésa al me amigh Paolo Zoppi al continvarà a dir a tutt i Vintisètt ch'a ne gh' ciap mäi.
Appunto, caro Miclòt, tu avevi previsto un 2 a o, io 1 a 1...
A t' m'è masacrè. T' sì sénsa reputasjón, t'è masacrè un povor véc' in stampéli. Dizgrasiè. Però guärda ch'al campjonät l'é lóngh. Sta aténti, eh...
Passiamo ai voti, dai. Dimmi di Mirante.
Séz. Senza infamia e senza lode.
La difesa?
Cassani in-t-al secónd témp al ne gh'äva nisón cóntra e l'andäva su e zò trancvilamént, l'à fat dil béli cozi. Dagh séz e méz.. Palètta séz: l'éra partì col fréno tirè, mo po dopa l'à dimostrè d'ésor al vér Palètta. Lucaréli sinch: stasira al  n'éra miga al Lucaréli ch'èmma visst in-t-ilj ultmi partidi. Gobbi sinch: l'à zbaljè socuant pasag'.
Il centrocampo?
Acquah sinch e méz, Marchionni sinch, Parolo sinch e méz. A n' gh'ò ätor da dir.
E le punte?
Cassano l'é stè sensa dubbi al pu bón n'ätra volta. Sètt. Però a m'é gnù da riddor cuand al s'é insuchè con Sansone… Ala fén al gh'äva 'na tachéla sóra a 'n oc'… Biabiany… lasèmma pèrdor. Non pervenuto. Sansone séz. Al s'é dè da fär, mo l'à combinè pochén.
E quelli che sono entrati dopo, Palladino, Amauri?
Oh povrén, l'é méj ch'i vagon in 'na ca protéta. J àn zughè poch, mo j àn dè anca poch.
Il migliore?
Gnan da dir: Cassano
Il peggiore?
Gnan da dir: Cimba - Biabiany.
E Donadoni?
A gh dagh sinch e méz e.. al méz l'é regalè.
Commento finale, Miclòt...
Guärda, Achille, adésa in clasifica ti a t' gh'é cuatordos pónt e mi séz. Mo a vój vénsor al campjonät: d'acordi?.
Mez
(Si ringrazia Giuseppe Mezzadri per la revisione delle parti dialettali)

CLASSIFICA DELLA DISFIDA
MZÄDOR 14, MICLÒT 6

La disfida dei pronostici tra Michelotti e Mezzadri: Parma - Bologna


giovedì 28 novembre 2013

La favola di Pepén dall’inizio ai giorni nostri -2-

GINO FERRARI: "DA OLTRE 50 ANNI
FACCIAMO RIVIVERE IL MITO DI PEPÈN"
Raccontiamo in due puntate la storia della celebre paninoteca di borgo Sant’Ambrogio - Oggi rievochiamo il secondo periodo, dal 1962 ai giorni nostri, attraverso i ricordi di Gino Ferrari, che rivelò il negozio da Pepèn Clerici quando lui si trasferì con la famiglia nel Tigullio
di ACHILLE MEZZADRI
* SECONDA E ULTIMA PUNTATA*
Sembra ieri. Al buz ‘d ‘na volta l’é sémpor al medesim buz. Ma da quel buz, come allora, escono ancora profumi e parmigianità. Perché “Sanremo è Sanremo”, ma anche “Pepèn è Pepèn”. Un mito che supera i decenni e cavalca le generazioni. Eravamo rimasti, nella puntata precedente, a Giuseppe Clerici, il Pepén doc - quello d’origine controllata - che nell’ottobre del ’62 con la moglie Lidia Del Monte e i figli Luigi e Franco, dopo un mezzo collasso decise di lasciare la stressante attività di borgo Sant’Ambrogio per trasferirsi in Liguria, nel Tigullio, e precisamente a Bocco di Leivi. Ma non l’avrebbe fatto se non avesse...
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

mercoledì 27 novembre 2013

La favola di Pepén dall’inizio ai giorni nostri -1-

LUIGI CLERICI: "PEPÉN, MIO PADRE"
Raccontiamo in due puntate la storia della celebre paninoteca di borgo Sant’Ambrogio - Oggi rievochiamo il primo periodo, dal 1945 al 1962, attraverso i ricordi di Luigi Clerici, il primogenito dei leggendari Pepèn e Lidia - “Oltre ai panini i miei genitori proponevano anolini pasticciati, tortelli, gnocchi” - “Papà inventò anche un richiestissimo servizio di catering” - “Nel 1962 scelse l’esilio volontario nel Tigullio, ma diceva sempre: po tornèmma a Pärma” - “A Bocco di Leivi riuscì a parmigianizzare i liguri”
di ACHILLE MEZZADRI
* PRIMA PUNTATA*
Ci vorrebbe una guida turistica che trattasse la paninoteca Pepèn di borgo Sant’Ambrogio alle stregua di Duomo, Battistero, parco Ducale, Teatro Farnese, San Giovanni, Camera di San Paolo, Palazzo del giardino, Cittadella, Teatro Regio e via di questo passo. Perché Pepèn non è una paninoteca bastachessia. È piuttosto un monumento, un trionfo di profumi, una gioia per il palato. Insomma, l’essenza stessa della parmigianità. Questo capolavoro lo inventò, nel 1945, Giuseppe Clerici, detto appunto Pepèn, fratello dei celebri attori Italo e Giulio, che aveva al suo fianco una donna straordinaria, Lidia Del Monte, volto, mani e cuore da rezdóra. Una storia dal profumo di Parma che vogliamo raccontare in due puntate perché …….
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

lunedì 25 novembre 2013

"Nonsoloverdi", il settimanale web di musica lirica da leggere e ascoltare -12-

INTERVISTA A DUE VOCI A LUCA SALSI E VIRGINIA TOLA, FRANCESCO DEMURO PER LA SARDEGNA, QUELL'INFAUSTA TRAVIATA DEL  1979, IL MAESTRO CAMPORI E TANTO ALTRO
Dodicesimo numero di "Nonsoloverdi" con ben 19 pagine ricche di interviste, notizie e curiosità  - Virginia Tola da Buenos Aires e Luca Salsi da Roma raccontano, a due voci, come stanno preparando le "prime" di "Un ballo in maschera" e "Ernani" - Il tenore Francesco Demuro vuole aiutare gli alluvionati della sua Sardegna con un grande evento musicale a Olbia - Claudio Del Monte ricorda "La Traviata" al Regio di Parma interrotta a metà - Gezim Myshketa conquista i tedeschi - Cristina Pezzini e le Verdissime - Desirée Rancatore grande Violetta a Palermo - Il maestro Campori nel ricordo di Gian Piero Rubiconi - "Il museo virtuale dell'opera - Settore audio-video: Gezim Myshketa nel "monologo di Ford" dal "Falstaff" a Stoccarda e Virginia Tola in "Morrò ma solo in grazia" da "Un ballo in Maschera" al Regio di Parma
In diciannove pagine il nuovo numero di "Nonsoloverdi", il settimanale web di musica lirica di Pramzanblog propone come d'abitudine una ricca serie di argomenti. Già in copertina presenta l'intervista "clou" con una delle coppie più affiate, anche nella vita, della musica lirica: Luca Salsi e Virginia Tola. Il baritono sta preparando "Ernani" all'Opera di Roma con Muti, il soprano sta preparando "Un ballo in maschera" a Buenos Aires. "Nonsoloverdi" ha organizzato un'intervista a due voci, a distanza, entrando anche nel "privato" della coppia. Un'altra impirtante imtervista è quella a Francesco Demuro, il trentacinquemne tenore sardo sulla cresta dell'onda, che appena tornato da una lunga tournée di due mesi e mezzo è rimasto sconvolto dalla tragica alluvione dells sua Sardegna. "Voglio fare qualcosa e sto organizzando una serata di musica a Olbia per aiutare il popolo sardo colpito dall'alluviomne". In questo numero trovate anche le opere alla Tv e alla radio, il racconto ell'ex capo ufficio stampa del Teatro regio di Parma, Claudio Del Monte, che ricorda l'infausta "Traviata" del 26 dicembre 1979, quando la protagonista, Elena Mauti Nunziata e tutto il cast diedero orfei tra i fischi a metà opere, il grande successo che sta ottenendo a Stoccarda il baritono Gezim Myshketa, inteprete di Fenton nel "Falstaff". Trovate anhe il ritratto di Cristina Pezzini, Amelia de "I masnadieri" nelle Verdissime, il trionfo di Desirée Rancatore - Violetta a Palermo, il Muti verdiano, Gian Piero Rubiconi, ex sovrantendente del Teatro regio che ci regala episodi anche inediti della vita del suo grande amico Angelo Campori, uno dei più grandi dirttori d'orchestra, appena scomparso. E poi altre notizia, come il referendum di "Classi Voice" sulle voci verdiane (primo Bergonzi), l'inseparabile cagnolina di Silvia Dalla benetta, gli anniversari, il museo virtuale dell'opera. Può bastare?  Ma c'è anche, nel settore audio-video, il baritono Gezim Myshketa nel "monologo di Ford" dal Falstaff di Stoccarda, dove sta trionfando e l'audio di Virginia Tola che nell'ultima stagione lirica al Teatro Regio di Parma canta "Morrò ma solo in grazia" in "Un ballo in maschera", l'opera che sta preparando in questi giorni a Buenos Aires.
LEGGETE IL NUMERO 12 DI "NONSOLOVERDI"

DA VEDERE E ASCOLTARE:
GEZIM MYSHKETA A STOCCARDA NEL  "MONOLOGO DI FORD" DAL FALSTAFF



↵ Use original player
YouTube
← Replay
X

i











VIRGINIA TOLA IN "MORRÒ MA SOLO IN GRAZIA" DA "UN BALLO IN MASCHERA" AL TEATRO REGIO DI PARMA

sabato 23 novembre 2013

Cór crozè - L'opinione di Michelotti dopo Napoli - Parma 0-1

A N' GH'Ò MIGA CIAPÈ PERÒ A SÓN ANCORRA PU CONTÉNT… STASIRA J Ò VISST UN GRAN PÄRMA
NAPOLI - PARMA 0-1 Mi äva dit ch' la sariss fnida in-t-un parègg' e invéci èmma véns e a són chi che… guarda come gongolo… Ragas, che vitorja… Forsi l'éra pu giusst un parègg', però stèmma miga fär i dificcil. Tri pónt presjós. Stasira j ò visst al Pärma ch'a vriss vèddor sémpor: senza timore reverenziale (e mo cme pärli dificcil), vivace, combattivo.
Insomma, sei felice, una volta tanto…
E par forsa, con 'na vitorja compagna… Sì, dabón. A n' gh'é njént da dir, anche se si è visto che la differenza di classe è notevole. A són stè operè a n'anca e adésa a són chì ch'a bal al twist suj stampéli… Donadoni stavolta l'à lavorè bén, l'à impostè la formasjón giussta. In particolär in-t-al primm témp, j ò visst un Pärma ecesjonäl… Mo po in-t-al second témp, anche se abbiamo subito un po', abbiamo addirittura vinto!
Mirante?
Dagh ot, al s'à salvè in pu d' 'n ocazjón. Di grand parädi. L'é in-t-un momént strepitóz 'd forma. Questo ragazzo è maturato tantissimo.
La difesa? 
Bene, bene, ansi, pu che bén, benissimo.  J ò visst 'na diféza grintóza, sicura…. A Cassani dagh séz e méz, a capitan Lucaréli sètt e a Felipe séz, parchè l'à dè via malamént 'na cuälca bala. L'é bräv ma a volta perde la bussola.
Il centrocampo?
Biabiany sètt, mo po a un sert momént a nion podäva pu e l'è stè sostituì da Palètta, par rinforsär la diféza in-t-j ultom minud. Gargano sètt. Mi al ciam can lupén, parchè al dà dil gran bocädi aj avarsäri, finn' in-t-i carcagn… Marchionni séz e méz: ala fén al bofäva cme 'n bisón e Donadoni  l'à miss déntor Acquah (con tutta l'acua ch'a gnäva zò…). Parolo ot, è caricato da morire, al mérita dabón 'd zugär in nasionäla. Gobbi sètt e méz, al piccia, l'intarcéta… un gran zugadór. 
Là davanti?
Sansone sètt. Finalmént al mister al s'é deciz a färol zugär! Cassano ot, anca se in tutta la partida al n'à miga fat cozi ecesjonäli. Mo par därogh ot basta al goll ch'la fat. L'à ciapè la bala e po l'à fat fóra cuator avarsäri… Straordinäri.
Il migliore del Parma?
Äd sicur Mirante. E subitt dopa Cassano.
E il peggiore?
Nisón.
Che voto dai a Donadoni?
Dagh  sètt. L'à indvinè tutt.
mez
(Si ringrazia Giuseppe Mezzadri per la supervisione delle parti dialettali)


CLASSIFICA DELLA DISFIDA
MZÄDOR 11, MICLÒT 6

Un grave lutto nell'ambiente musicale

È SCOMPARSO IL MAESTRO ANGELO CAMPORI
LO RICORDIAMO CON UN SUO "RIGOLETTO"
Aveva quasi 80 anni - È stato uno dei direttori d'orchestra più apprezzati - Lo ricordiamo con la prima parte del "Rigoletto" che diresse al Regio nel febbraio 1987, con Leo Nucci (Rigoletto), Alfredo Kraus (Duca di Mantova), Luciana Serra (Gilda), Michele Pertusi (Sparafucile) - Il maestro del coro era Edgardo Egaddi
Fotografia Gazzetta di Parma


↵ Use original player
YouTube
← Replay
X
i

La disfida dei pronostici tra Michelotti e Mezzadri: Napoli - Parma


giovedì 21 novembre 2013

Questa mattina alla presentazione di "Natale in vetrina crociata" al Tardini...

LA "LECTIO MAGISTRALIS" DEL DSÈVOD SUL… DSÈVOD
Durante la conferenza stampa di presentazione del concorso organizzato dall'Associazione "I nostri borghi" Maurizio Trapelli, nelle sembianze "ufficiali" del Dsèvod, ha raccontato ai bambini partecipanti al concorso la storia della maschera cittadina - E Pramzanblog, grazie alla fortunata "joint venture" con Stadiotardini.it, può offrire anche ai suoi lettori il video, realizzato da Gabriele Majo, il vulcanico direttore del superblog di calcio crociato

↵ Use original player
YouTube
← Replay
X
i




SUL STADIOTARDINI.IT IL SERVIZIO E TANTO ALTRO

mercoledì 20 novembre 2013

E se non vi interessa il ciclismo, il 30 novembre…. via con il dialetto!

LA BENEMERITA AVIS SAN MARTINO PRESENTERÀ
I PRAMZÀN ARIÓS IN "AL ZIO CME STAL?" 
Non solo la Malori's Night il 30 novembre, ma anche un appuntamento molto ma molto sfizioso per gli amanti delle commedie dialettali - Nel teatro parrocchiale Beato Cardinal Ferrari in via Paradigna, l'Avis San Martino propone un'esilarante commedia della compagnia "Pramzàn Ariòs": Al zio cme stal?, di Daniele Pecorari
Non solo ciclismo la sera di sabato 30 novembre. Mentre a Fidenza, nella sede della Pinko, si celebrerà la "Malori's Night", anche gli appassionati di dialetto avranno la loro serata "gaudiosa". La benemerita (e attivissima) Avis San Martino propone infatti un appuntamento dialettale che, nel Teatro parrocchiale Beato Cardinal Ferrari di via Paradigna vedrà in scena la compagnia "Pramzàn ariòs" con l'esilarante commedia di Daniele Pecorari Al zio cme stal?. Noi che (con maestro di cerimonie Giuseppe Mezzadri) cerchiamo di avventurarci nel sentiero del dialetto scritto "puro" (usando come "Vangelo" il dizionario Capacchi) dovremmo storcere il naso anche solo di fronte al nome della compagnia scritto in locandina: "Pramzàn ariòs", mentre si dovrebbe scrivere "arjóz", e anche al cospetto del titolo della commedia Al zio cme stal?, dove si dovrebbe scrivere st'al?. Ma, intendiamoci, chissenefrega: quello che conta è tener vivo il dialetto e farlo conoscere ai giovani, unica possibilità per diffonderlo. Quindi, con tutto il rispetto per il compianto purista doc Capacchi, ben vengano anche i "dissacratori del purismo". Che poi lo stesso Daniele Pecorari (che recitò da ragazzino con Bruno Lanfranchi e l'Ettorina Cacciani) autore della commedia e fondatore nonchè anima della compagnia assieme alla moglie, la primattrice Irene Mori, spiega: "Noi non vogliamo dissacrare niente. Par caritè. Ė che non è facile scrivere il dialetto e gli stessi attori si troverebbero in difficoltà a leggere copioni pieni di accenti acuti e gravi, dieresi, i lunghe e via di questo passo. Allora, per la filosofia del pärla cme 't magn, io tutte le mie commedie (che sono già sedici) le ho scritte… come si parla. E gli attori, che parlano il dialetto ma non lo sanno scrivere, così imparano le parti senza fatica". In fondo al gh'à ragión anca Pecoräri. Basta che la gente venga a teatro, si diverta e… ci torni. "Le soddisfazioni non mancano", spiega. 
La compagnia "Pramzàn ariós"
"La nostra base generalmente è il teatro parrocchiale di Corcagnano e lì facciamo sempre dei pienoni. E anche questa Al zio cme stal?, che ha debuttato al festival del teatro dialettale di Varano Marchesi, è già, con Paradigna, alla quarta recita. Piace e diverte. Ma non stiamo fermi, sapete? Stiamo già provando il nuovo lavoro teatrale, che è sulla vita, a Parma, di padre Lino, e che andrà in scena, ancora con l'Avis San Martino, nella prossima primavera, a ridosso del 90° anniversario della scomparsa del frate santo. Si intitolerà Padre Lino al Sant ädla Nonziäda.  Vedrà in scena 15 personaggi, un lavorone. Io ovviamente sarò Padre Lino. Ho studiato tanto la figura del frate, ho letto libro, ho visto il film con Cavina, mi ha aiutato tanto il compianto padre Berardo Rossi, insomma ci teniamo tanto a fare una bella cosa per ricordare "al nostor Sant".
La primattrice della compagnia, Irene Mori

Quelle che il basket: una "new entry" tra le gialloblu

CAMBIO DELLA "GUARDIA" NEL LAVEZZINI
Dopo la rescissione consensuale del contratto della "guardia" statunitense Brittaney Thomas la società presieduta da Gianni Bertolazzi ha rimpiazzato l'americana con la "guardia" slovena Katarina Ristic, che in passato ha giocato anche nel campionato italiano, nel Livorno
Guardia che va, guardia che viene. Il Lavezzini Basket, dopo aver annunciato la rescissione contrattuale (consensuale) della statunitense Brittaneuy Thomas, ha annunciato oggi l'acquisto della "guardia" slovena Katarina Ristic. Nata a Kranj il 13 aprile 1984, alta 1,74, quando è arrivata la richiesta del Lavezzini Katarina stava giocando nel campionato slovacco con il MBK Ruzomberok. In passato aveva già giocato nel campionato italiano nel Livorno, nelle stagioni 2008-09 e 2009-10. In precedenza aveva collezionato presenze nei tornei in Svezia, Turchia, Israele, Grecia e Ungheria.

Udite udite: il 30 novembre a Fidenza la "Adriano Malori's Night"

E CON ADRIANO MALORI "NOTTE BIANCA" SARÀ
Il Malori Fan's Club fidentino del vulcanico Nicholas Varani ha organizzato per fine mese la seconda edizione della festa dedicata al campione traversetolese che nella prossima stagione correrà per la spagnola Movistar - L'evento avrà luogo nella magica sede della Pinko a Fidenza, nella strada comunale per Fornio - Tra gli ospiti anche Giorgia Bronzini, che ha vinto tre titoli iridati e tre Coppe del Mondo - Venticinque euri per una notte da ricordare
Adriano Malori, ex Lampre, da quest'anno con la maglia della spagnola Movistar, ha tantissimi tifosi, ma anche tanti amici, che per lui si butterebbero nel fuoco. Uno di questi, Nicholas Varani, ex suo compagno di squadra quando erano ragazzi, non si butta nel fuoco, ma preferisce organizzare, una volta all'anno, una gran bella festa, perché, proprio come Sanremo, "Adriano è Adriano" e merita di essere celebrato come conviene ai grandi. Ecco perché, l'anno scorso, il simpatico Varani ha messo in piedi la "Adriano Malori's Night", che riunì una settantina di amici. "Ma allora si trattò di una sorpresa ad Adriano", dice Nicholas. "Vieni a cena? Siamo in quattro, cinque". Lui arrivò e si trovò circondato da settanta amici… Così, visto il successo dell'ann0 scorso, quest'anno con il Malori Fan's Club di Fidenza che ho messo in piedi io, ho pensato di fare le cose in grande: la seconda Adriano Malori's Night è aperta ovviamente agli amici di Adriano ma anche a tutti quelli che apprezzano il nostro campione e desiderano trascorrere una serata, anzi una notte, perché andremo avanti fino alle ore piccole, di puro divertimento, in tutta allegria". E quando ci sono di mezzo Adriano Malori e i suoi amici non abbiamo dubbi. Dunque: l'appuntamento "obbligatorio" (per chi pensa in positivo) è sabato 30 novembre, ore 20, nella prestigiosa sede della Pinko, la società fidentina di Pietro Negra, che si trova a Fidenza sulla strada comunale per Fornio. 


"La Pinko ha accettato con entusiasmo la proposta di fare la festa lì", continua Nicholas "per vari motivi, legati al nostro mondo del ciclismo. Primo, il titolare, Pietro Negra, ha corso tra i dilettanti e sua figlia, Cecilia Negra, è pure una ciclista, specialista della mountain bike. La Pinko, dunque, era la sede ideale e lì ci troveremo. Venticinque euri, e non mi sembrano tantissimi, per una "notte magica" che sarà da ricordare: ritrovo tra le 20 e le 20,30, poi aperitivo, presentazione degli ospiti e cena-buffet. In più musica con deejay e poi chi vorrà ballare… ballerà. Presenterà la serata, supportata dalla Iride Fixed Modena e Iride Demode Squadra Corse, Simone Carpanini e ci saranno ospiti illustri, per esempio Giorgia Bronzini, tre volte iridata e tre volte vincitrice della Coppa del mondo, poi Barbara Guarischi, Anna Trevisi, oltre ovviamente la padrona di casa Cecilia Negra. Ma ci sarà anche Andrea Berton, commentatore di ciclismo per Eurosport". E dopo aver letto tutto questo (ma ci saranno anche animazioni nonché sorprese), perché si dovrebbe aspettare a prenotare? Per farlo è semplicissimo: basta scrivere a nicholas@elitecommerciale.it oppure telefonare al 340 364643. E allora cominciamo pure il conto alla rovescia per questa festa d Adriano, in attesa che Adriano, da quest'anno "spagnolo" faccia la fiesta agli avversari.
(Nella foto sopra: Un salone della prestigiosa dede della Pinko e, sotto, Adriano Malori, il primo a destra, con amici. Quello accanto a lui è Nicholas Varani)

Spigolature pramzàne -7-

A PARMA "DOMEMICA"
CONTINUA A ESSERE SEMPRE "DOMEMICA"…
Il 12 giugno avevamo pubblicato una foto scattata a un avviso sacro appeso al portone della chiesa di Santa Lucia, in via Cavour, nel quale veniva annunciato che una messa viene celebrata "domemica" alle 21,15. Ci pareva divertente segnalare il refuso e nello stesso tempo eravamo convinti che qualcuno avrebbe provveduto a riparare all'errore. D'accordo che Pramzanblog non ha diffusione della Gazzetta di Parma, ma possibile che nessuno abbia segnalato questa divertente "domemica" a chi di dovere? Giovedì 14 novembre siamo ripassati davanti alla chiesa e la "domemica" era sempre lì, tranquilla e beata. Accanto avviamo messo un cellulare con la data (che non si legge chiaramente, ma garantiamo trattasi del 14 novembre) per dare la prova che la foto è stata scattata proprio dopo 5 mesi. Confidiamo che qualcuno si prenda la briga di avvertire i responsabili, così magari, tra cinque mesi, potremo trovare la scritta "donenica"… (non è un refuso). Rileggete genti, rileggete…
N.B. Anche Pramzanblog è pieno di refusi, ma quando ci vengono segnalati provvediamo subito a correggere.

lunedì 18 novembre 2013

"Nonsoloverdi", il settimanale web di musica lirica da leggere e ascoltare -11-

IL TERZO FIGLIO DI SERENA GAMBERONI E FRANCESCO MELI, MANZONI CHE GIOCAVA D'AZZARDO NEL RIDOTTO DELLA SCALA, LE INTERVISTE A MARCO SPOTTI, AURELIA FLORIAN, VINCENZO TAORMINA E ALTRO
Undicesimo numero di "Nonsoloverdi" con 15 pagine ricche come sempre di interviste, notizie, curiosità, pillole di storia - Le interviste a Marco Spotti, Aurelia Florian, Vincenzo Taormina e, per la serie delle Verdissime, a Cinzia Castronovo - Agli inizi dell'Ottocento il gioco d'azzardo era diffuso in moltissimi teatri e alla Scala tra i giocatori c'era anche Alessandro Manzoni - Riccardo Muti verdiano - Le opere alla Tv e alla radio - L'angolo dei libri: "I personaggi perduti" di Enzo Dara - Il museo virtuale dell'opera - Settore audio-video: Enzo Dara canta "Udite udite o rustici" dall'"Elisir d'amore" di Donizetti - Nella riedizione speciale anche la nascita di Leonardo, il terzogenito di Serena Gamberoni e Francesco Meli e la fotocronaca del successo di "Jerusalem" al Teatro Magnani di Fidenza
Dopo il grande successo del numero speciale di 21 pagine, il decimo, di Nonsoloverdi, abbiamo provato a ripeterci, anche se con un numero ridotto di pagine: "soltanto" diciassette. Il nostro settimanale web di musica lirica, infatti, propone anche questa settimana ben quattro interviste: al basso parmigiano Marco Spotti (che, attualmente impegnato alla Scala in "Aida", sta festeggiando quest'anno il suo decimo anno di collaborazione con il prestigioso teatro scaligero), al soprano romeno Aurelia Florian (che nel giugno del 2014 canterà Traviata nel deserto israeliano e un mese dopo si sposerà a Brasov, la sua città, con il basso Radu Pintilie), al baritono Vincenzo Taormina (che cominciò a percorrere la strada del successo… quaranta chili fa).  Per la serie "Conosciamo le Verdissime", c'è poi il ritratto - intervista di Cinzia Castronovo, una psicologa e psicoterapeuta milanese, madre di due gemelle di 17 mesi, che nell'associazione guidata da Luciana Dallari è "Violetta" della Traviata. Questo numero si apre con una storia interessante: il gioco d'azzardo nei teatri italiani che era particolarmente sviluppato nei primi anni dell'Ottocento. Fu in quel periodo che, tra i frequentatori del Ridotto della Scala, a Milano, dove si giocava d'azzardo, c'era l'allora giovanissimo Alessandro Manzoni. Oltre alle consuete segnalazioni delle opere che sono proposte dalla Rai in Tv e alla radio, c'è poi l'inaugurazione di una "sottorubrica", L'angolo dei libri. Questa volta presentiamo "I personaggi perduti", scritto dal celebre basso Enzo Dara e pubblicato da Azzali. Nel settore audio-video, dello stesso Enzo Dara, proponiamo la visione e l'ascolto di "Udite udite o rustici" dall'Elisir d'amore di Gaetano Donizetti - Ultim'ora: la nascita di Leonardo, il terzogenito di Serena Gamberoni e Francesco Meli - La fotocronaca di "Jerusalem" con Colombara e Masiero a Fidenza
LEGGETE IL NUMERO 11 DI "NONSOLOVERDI"

DA VEDERE E ASCOLTARE:
ENZO DARA IN "UDITE UDITE O RUSTICI" DALL'ELISIR D'AMORE

giovedì 14 novembre 2013

"Il dizionario dei parmigiani grandi e piccini" di Baldassarre Molossi -3-

I RITRATTI PARMIGIANI DI MOLOSSI:
FELICE CORINI

Nel decennale della scomparsa (avvenuta il 2 ottobre 2003) dell'indimenticabile direttore della Gazzetta di Parma dal 1957 al 1992, Pramzanblog ha l'onore di ripubblicare alcuni dei ritratti che Molossi fece dei parmigiani nel suo "Dizionario dei parmigiani grandi e piccini (dal 1900 a oggi)", pubblicato nel 1957 - Continuiamo con la "scheda" di Felice Corini, grande esperto di trasporti, che ebbe la carriera politica stroncata dal fascismo
LEGGETE LA SCHEDA DI FELICE CORINI

mercoledì 13 novembre 2013

Il grande successo di "Nonsoloverdi"

E LA MUSICA VA... LETTORI IN CONTINUO AUMENTO
Il settimanale di musica lirica di Pramzanblog in sole dieci settimane si è già imposto come una delle iniziative di maggior successo del nostro giornal-blog - Lettori in continuo aumento, di settimana in settimana, e tra loro anche tanti celebri cantanti del panorana internazionale dell'opera
di ACHILLE MEZZADRI
Fa sempre piacere vedere che una propria idea funziona e si fa strada. Quindi non posso che rallegrarmi del numero continuamente in crescita di settimana in settimana dei lettori che dimostrano di apprezzare, sfogliandolo, il nostro settimanale di musica lirica "Nonsoloverdi". E tra questi lettori, per altro, tanti celebri cantanti del panorama internazionale dell'opera. È da quando ho cominciato a percorrere la strada del giornalismo che sognavo di occuparmi, prima o poi, di questo settore, ma la carriera mi ha fatto percorrere altre strade: Olimpiadi, Festival di Sanremo, personaggi della cultura e della scienza, grossi fatti di cronaca.... mai un dietro le quinte di un'opera, mai un soprano o un tenore da intervistare. Finalmente con il mio Pramzanblog ho potuto ospitare la musica, in particolare grazie al preziosissimo Paolo Zoppi. Poi Paolo è "salito di grado", diventando uno straordinario inventore e organizzatore di eventi e, impossibilitato a continuare il percorso della sua già eccellente rubrica "Su il sipario", mi ha in pratica spianato la strada per la realizzazione definitiva del mio sogno. Così mi sono scatenato, e continuo e continuerò a scatenarmi, alla ricerca di notizie, curiosità, pillole di storia, grandi e piccoli personaggi da intervistare. Quella che è nata come una rubrica, "Nonsoloverdi", ben presto si è trasformata in un settimanale web di musica lirica, un contenitore a 360 gradi di lirica, a disposizione degli appassionati. Ovviamente non tutti possono essere contenti: per esempio i cultori del dialetto, delle tradizioni pramzàne, che negli ultimi tempi hanno visto diradarsi gli argomenti di loro interesse. Ma non si preoccupino. Tra poco, credo, "Nonsoloverdi" camminerà con le proprie gambe e potrò ridare equilibrio a Pramzanblog. Non solo torneranno le cose che hann0 fatto finora la fortuna di Pramzanblog, ma darò risalto anche a settori finora trattati solo "di striscio". Per concludere, un consiglio a tutti i lettori di "Nonsoloverdi": ricordo che sotto la testata di Pramzanblog ci sono i pulsanti con i vari argomenti: cliccando "Nonsoloverdi" non ci si perde nessun numero e magari, volendo, si può leggere qualche articolo che era sfuggito. Per altro, se uno vuole leggere per la prima volta, o rileggere, le interviste ai personaggi famosi, è facilitato dal fatto che i loro nomi sono scritti in rosso. Grazie ancora a tutti. E la musica va... (a.m.)

Le eccellenze italiane negli Stati Uniti nella rubrica di Renzo Allegri

I PRIMI DIECI ITALIANI D'AMERICA
Il giornalista e scrittore Renzo Allegri, firma illustre di Pramzanblog, fa conoscere ai nostri lettori un'importante iniziativa ideata da Riccardo Lo Faro: la  "PrimiDieciSociety", che mira a riunire in una specie di club esclusivo gli italiani che hanno avuto e hanno successo negli Stati Uniti
Il 22 novembre, a New York, avrà luogo l'annuale serata di gala  della Camera di commercio Italy-America e durante questo evento, sempre molto atteso dalla comunità italiana negli Stati Uniti, avrà luogo la presentazione di un'importante iniziativa: la "PrimiDieciSociety", che mira a riunire in una specie di club esclusivo gli italiani che hanno avuto e hanno successo negli Stati Uniti. Dell'iniziativa, alla quale ha lavorato per un paio d'anni Riccardo Lo Faro, ci parla ampiamente il nostro collaboratore più illustre, il giornalista e scrittore Renzo Allegri. Tra i primi a entrare nell'esclusivo "club" delle eccellenze italiane ci sono il neuroscienziato Emilio Buzzi, Matilda Cuomo, moglie dell'ex governatore di New York e lo scenografo Dante Ferretti, tre volte premio Oscar.

"Il dizionario dei parmigiani" di Baldassarre Molossi -2-


I RITRATTI PARMIGIANI DI MOLOSSI: ITALO CLERICI
Nel decennale della scomparsa (avvenuta il 2 ottobre 2003) dell'indimenticabile direttore della Gazzetta di Parma dal 1957 al 1992, Pramzanblog ha l'onore di ripubblicare alcuni dei ritratti che Molossi fece dei parmigiani nel suo "Dizionario dei parmigiani grandi e piccini (dal 1900 a oggi)", pubblicato nel 1957 - Continuiamo con la "scheda" di Italo Clerici, che con il fratello Giulio diede vita all'indimenticabile compagnia dialettale "La risata"
LEGGETE LA SCHEDA DI ITALO CLERICI

lunedì 11 novembre 2013

"Nonsoloverdi": il settimanale web di musica lirica da leggere e ascoltare

UN NUMERO SPECIALE CON QUATTRO INTERVISTE, BARBAJA IL PRINCIPE DEGLI IMPRESARI CHE LANCIÒ ROSSINI (IL QUALE GLI RUBÒ LA DONNA), I RETROSCENA DELL'ANDREA CHENIER E TANTO ALTRO
Per il decimo numero del nostro settimanale di musica lirica "Nonsoloverdi" abbiamo preparato un'edizione che si può ben dire "speciale", con ben 21  pagine ricche di interviste, notizie, curiosità, pillole di storia - Le interviste a Cristina Ferrari, Serena Gamberoni, Valentino Salvini e, per la serie dei Ventisette, a Giuseppe Azzali - Fu il principe degli impresari dell'Ottocento, Domenico Barbaja, a inventare la "barbajada" - Il successo del concerto a Parma Lirica dedicato a Paolo Ampollini - Perché Franchetti cedette "Andrea Chenier" a Giordano - Le opere alla Tv e alla radio - Il museo virtuale dell'opera - Settore audio-video: Renata Tebaldi, Giuseppe Di Stefano e Mario Sereni in "Fedora" a Napoli nel 1961
Al suo decimo numero Nonsoloverdi ha voluto strafare. Il nostro settimanale web di musica lirica, infatti, ha raddoppiato il numero di pagine (ora sono 21) per regalare ai suoi lettori (che sono in continuo aumento - nell'ambiente dell'opera comincia a diventare un appuntamento da non perdere - ) un'edizione che si può ben dire "speciale". Propone infatti ben quattro interviste: a Cristina Ferrari, che come direttore artistico della Fondazione Teatri di Piacenza sta facendo riappassionare i piacentini alla lirica, al soprano Serena Gamberoni, moglie del tenore Francesco Meli, che sta per diventare mamma per la terza volta, al baritono Valentino Salvini reduce da un grande successo in Romania e, per la serie dedicata al Club dei 27, al grande Giuseppe Azzali / Rigoletto, punto di riferimento per tutto il movimento dell'opera, con i preziosi libri della sua casa editrice. Spulciando negli archivi Nonsoloverdi ha trovato anche due belle storie: quella di Domenico Barbaja, per esempio, che fu il principe degli impresari nella prima metà dell'Ottocento, lanciando Rossini (che gli rubò l'amante per poi sposarla), Donizetti e Bellini, ma che cominciò le sue fortune inventando, quando era cameriere di un bar, una bevanda che chiamò "barbajada". Ma anche quella del compositore Alberto Franchetti, nipote di una Rotschild, che cedette a Umberto Giordano licenziato da Sonzogno l'Andrea Chenier. Poi la cronaca del fortunato concerto a Parma Lirica a ricordo di Paolo Ampollini, la cittadinanza onoraria di Termini Imerese a Desirée Rancatore  e altre notizie ancora. Per il settore audio-video Nonsoloverdi, per ricordare Umberto Giordano scomparso il 12 novembre di 65 anni fa, vi invita all'ascolto di qualche minuto di Fedora rappresentata a Napoli nel 1961 con Renata Tebaldi, Giuseppe Di Stefano e Mario Sereni, per la direzione di Arturo Basile.
LEGGETE IL DECIMO NUMERO DI "NONSOLOVERDI"
DA ASCOLTARE:
RENATA TEBALDI, GIUSEPPE DI STEFANO E MARIO SERENI IN "FEDORA" NEL 1961 A NAPOLI

domenica 10 novembre 2013

Cór crozè - L'opinione di Michelotti dopo Parma - Lazio 1-1


ALEANDRO L'À FAT 'NA GRAN CAPLÄDA
PARMA - LAZIO 1-1 Comincèmma subitt con Aleandro Rosi, ch' l'à fat 'na gran capläda a färos casär fóra da l'arbitro. Grasja a lu èmma risc'è 'd butär via un pónt presiós e mi a j ò bruzè cme un falò. Comunque pareggio giusto, a n's podäva preténdor 'd pu da cla partida chi.
Tutto sommato, soddisfatto o deluso?
Pu deluz che sodisfat. Mi a cardäva ch'arisson véns incó...
E infatti io ci ho preso con il mio 1 a 1 e tu invece...
Sì, a t' gh'é ciapè ti, mo 'n fär miga al spiritóz con mi, eh? Al campjonät l'é lóngh, gh'é témp... A t' vedrè in primavera... Col bel tempo miglioro, ah ah ah
Intanto io ho 11 punti in classifica e ti séz... Ma passiamo ai voti, dai. Dimmi di Mirante
Sètt anca stavolta, l'à salvè du goll. Soprattutto nel primo tempo la Lazio ha avuto più d'una palla gol, mo lu al s'à salvè.
La difesa?
In generäl l'à fat bén. Séz e méz a Cassani e Felipe e un bél sètt e méz a capitan Lucaréli ch'l'é stè al pu bón 'd tutti e l'à fat anca un bél goll 'd tésta su corner 'd Sansone.
Il centrocampo?
Tant par cominciär... cuator a Rosi par cme l'à zughè, mo sarvél zéro. E acsì al starà a ca col Napoli. Grasja Aleandro! Parolo séz e méz e a són contént bombén se Prandéli al la ciama in Nasjonäla. Al s' la mérita tutta. L'é proprja un bél zugadór e un bräv ragas. Andèmma avanti: Marchionni séz, Obi sinch parché l'é lént, mo po al s'é fat mäl, Gobbi séz e méz parchè al sgóba sémpor cme 'n äzon.
E le punte?
Incó Cassano l'éra in giornäda no, diciamo che era in ombra. Ma cosa dico? Ätor che ombra! Al paräva in-t-la fumära 'd Londra! E po Palladino: o mama... Dagh sinch. E po al gh'à sémpor cuél. Al sariss da rotamär.
Parlami adesso di Amauri, Valdés e Sansone, entrati a partita iniziata...
Amauri l'à zughè socuant minud: sénsa valutasjón. Valdés sinch, e po in-t-l'asjón dal goll 'dla Lasio al m'à fat morir dal riddor. Ha cercato di rincorrere Candreva, mo l'éra cme Dordoni (t'arcordot al marciadór?) cóntra Mennea la freccia del Sud. Da riddor dabón. Al scapuzäva finn' cóntra l'erba...
Il migliore?
Gnan da dir: Lucaréli
Il peggiore?
Gnan da dir: Rosi sarvél zéro
E Donadoni?
Fatico a dargli sei. Non capisce certe situazioni. Non smetterò mai di dirgli, anche se lo rispetto tantissimo, che cme psicologh al väl zéro.
Commento finale, Miclòt...
Guärda Achille, sèmma ataca a Nadäl. Stavolta a n' gh'ò miga bizòggn 'd comprär il statuén'ni di pastór. Cme lentèssa a gh'èmma zamò Palladino, Valdés e Obi. 'Ta bén.
Mez
(Si ringrazia Giuseppe Mezzadri per la revisione delle parti dialettali)

CLASSIFICA DELLA DISFIDA
MZÄDOR 11, MICLÒT 6

giovedì 7 novembre 2013

Gli echi della visita di San Suu Kyi a Parma

UN PREMIO NOBEL A PALAZZO
Molti parmigiani, nei giorni scorsi, hanno avuto l'onore di vedere da vicino la "Mandela in gonnella", il premio Nobel per la pace che è venuta nella nostra città, ospite di Palazzo Dalla Rosa Prati - Per non dimenticare questa visita che fa onore a Parma, ecco ancora qualche foto (di Annarita Melegari)
di ACHILLE MEZZADRI
Fa sempre piacere quando a Parma arrivano personaggi famosi. Sarà per vanità provinciale, sarà per quell'antica abitudine di sentirsi avvezzi a frequentazioni importanti come avveniva ai tempi del Ducato, quando qui arrivavano re, principi, grandi personaggi della cultura e dell'arte. Ma l'arrivo di San Suu Kyi, la birmana Nobel per la pace, ha avuto forse un valore aggiunto, soprattutto per le nuove generazioni. Perché personaggi come lei, donne come lei, sono il passaporto per la speranza di un futuro migliore. Parma, per quanto ho capito, ha accolto con entusiasmo, quasi con devozione, questa piccola grande donna, le ha fatto perfino assaggiare, tanto per distinguersi (ed è una nostra specialità) la cucina parmigiana, grazie alle mirabilia di uno chef d'eccezione come Massimo Spigaroli. Sono "biglietti da visita", i nostri, che non passano inosservati. E certo San Suu Kyi se ne sarà andata via con un ricordo speciale di noi che per lei sarà difficile dimenticare: la spumeggiante cordialità dei parmigiani, la passione dei giovani, l'accoglienza del sindaco Pizzarotti, la straordinaria ospitalità nello storico e raffinato Palazzo Dalla Rosa Prati, le leccornie di Spigaroli. Abbiamo aspettato che la fibrillazione per l'arrivo di San Suu Kuyi si affievolisse per trattare l'evento anche su Pramzanblog. L'abbiamo fatto appositamente, non per "allungare il brodo", ma nella speranza che questo straordinario simbolo di pace resti bene nella testa e non passi come una meteora ma che continui a lasciare il segno, soprattutto per le nuove generazioni. Che questo non sia un addio, San Suu Kyi, ma soltanto un arrivederci... (a.m.)

mercoledì 6 novembre 2013

Nuova rubrica di Pramzanblog: "Il dizionario dei parmigiani" di Baldassarre Molossi -1-

I RITRATTI PARMIGIANI DI MOLOSSI
Nel decennale della scomparsa (avvenuta il 2 ottobre 2003) dell'indimenticabile direttore della Gazzetta di Parma dal 1957 al 1992, Pramzanblog ha l'onore di ripubblicare alcuni dei ritratti che Molossi fece dei parmigiani nel suo "Dizionario dei parmigiani grandi e piccini (dal 1900 a oggi)", pubblicato nel 1957 - Cominciamo con la "scheda" del musicista Giusto Dacci, che dedicò la sua vita a quello che sarebbe diventato poi il "Conservatorio Boito"
LEGGETE LA SCHEDA DI GIUSTO DACCI

lunedì 4 novembre 2013

La celebrazione del 4 novembre

CAVALIERI, UFFICIALI E COMMENDATORI:
PIOGGIA DI ONORIFICENZE AL DEL CARMINE
Stamattina all'Auditorium del Carmine, nell'ambito delle celebrazioni del 4 novembre sono state assegnate dal prefetto Viana, dal sindaco Pizzarotti e dai sindaci di alcuni comuni della provincia le onorificene al merito della Repubblica - Tra i nuovi cavalieri il presidente della Corale Verdi, Andrea Rinaldi che, curiosamente, lo stesso giorno, ha condiviso il cavalierato con l'omonimo Andrea Rinaldi, maresciallo capo dell'Esercito a Roma....
Il neo cavaliere Andrea Rinaldi
Pioggia di onorificenze questa mattina all'Auditorium del Carmine, nell'ambito delle celebrazioni del 4 novembre. Sono stati insigniti delle onorificenze al merito della Repubblica, firmate dal presidente Napolitano il 2 giugno scorso  (cavalieri, cavalieri ufficiali e commendatori) venti personaggi di Parma e provincia. La cerimonia è stata introdotta dal prefetto Viana, poi i premiati sono stati insigniti delle rispettive onorificenze dal sindaco Pizzarotti e dai sindaci di alcuni comuni della Provincia. Alleghiamo l'elenco dei neo cavalieri - ufficiali - commendatori,  tra i quali c'è il neo cavaliere Andrea Rinaldi, presidente della Corale Verdi. Curiosamente, proprio il 2 giugno Giorgio Napolitano ha firmato la concessione dell'onorificenza a due "Andrea Rinaldi": il "nostro" e un omonimo che è maresciallo capo dell'Esercito a Roma....
L'ELENCO DEGLI INSIGNITI DELLE ONORIFICENZE
INTERVISTA AL NEO CAVALIERE ANDREA RINALDI (esclusiva di Stadiotardini.it)
↵ Use original player
YouTube
← Replay
X
i