O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 23 ottobre 2013

Rito suggestivo e commovente al funerale di Paolo Ampollini

LA VERGINE DEGLI ANGELI TI COPRA DEL SUO MANTO...
Era presente tutta Parma musicale stamattina, nella parrocchia di Ognissanti, in via Nino Bixio, alle esequie del cofondatore e presidente onorario di Parma Lirica - Chiesa gremita di personaggi del mondo musicale e di semplici cittadini, appassionati dell’opera - Durante il rito funebre, celebrato da don Luigi Maggiali, il coro Tebaldi ha eseguito alcuni celebri brani e il basso Michele Pertusi ha cantato, dalla “Forza del destino” il pezzo introduttivo alla “Vergine degli angeli”, eseguito subito dopo da Gabriella Corsaro
di ACHILLE MEZZADRI
Il saluto più commovente e più giusto, durante le esequie di Paolo Ampollini, l’ha fatto in un certo modo Giuseppe Verdi, con le struggenti note della “Vergine degli angeli”, dalla Forza del destino. Uno dei brani più celebri ed amati dell’opera lirica, eseguito stamattina, con la voce che ha cercato disperatamente di difendere dal pianto, il soprano e direttore di coro Gabriella Corsaro, una delle “cocche” del “presidente”. Commozione da tagliare a fette quando Gabriella ha percorso i versi di Francesco Maria Piave, “La vergine degli angeli vi copra del suo manto”... E ciò subito dopo il brano di introduzione alla “Vergine”, eseguito dalla voce inconfondibile ed internazionalmente amata, del grande basso parmigiano Michele Pertusi, legato a Paolo da un’amicizia lunga 33 anni. Ma già, prima ancora, il Coro Tebaldi diretto dal maestro Sebastiano Rolli, gruppo vocale di casa a Parma Lirica, la creatura di Ampollini, aveva emozionato con “Ploremus coram Domino”, dalla Forza del destino e con “Beati i morti”, di Mendelsshon. Così come il ricordo commosso del parroco di Ognissanti, don Luigi Maggiali, che ha detto ......
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: