Canzone natalizia del dicembre 2011 dedicata a tutti i parmigiani. Testo e musica di Achille Mezzadri, arrangiamento di Roberto Barrali, Coro delle Voci Bianche della Corale Verdi diretto da Beniamina Carretta. Produzione dell'allora (poi defunto) "Superblog pramzàn" (Pramzanblog di Achille Mezzadri, Parmaindialetto di Enrico Maletti e Stadiotardini.com di Gabriele Majo). Con: Vittorio Adorni, Luciano Armani, Monica Bertini, Mauro Biondini, Alberta Brianti, Robi Bonardi, Paolo Bucci, Giancarlo Ceci, Carlo Chiesa, Claudia Corbani, Zaira Dalla Rosa Prati, Tonino Fereoli, Armando Gabba, Gino e Dino, Gabriele Majo, Enrico Maletti, Corrado Marvasi, Achille Mezzadri, Alberto Michelotti, Edda Ollari, Maria Francesca Piedimonte, Victor Poletti, Francesca Strozzi, Paola Sanguinetti, Lorenzo Sartorio, Maurizio Trapelli (Al Dsèvod, secondo la grafia della Famìja Pramzàna), Daniele Villani, Paolo Zoppi. Riprese di Steve Mezzadri e Pietro Maletti. Montaggio di Steve Mezzadri. Sigle di Pietro Maletti. Realizzazione del video nella Sala Gandolfi della Corale Verdi.

O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 20 ottobre 2013

La scomparsa di Paolo Ampollini

STAVA GUARDANDO VERONA - PARMA
NELLA “SUA” PARMA LIRICA:
“A N’ STAGH MIGA BÉN”... ED É MORTO
L’ambiente musicale di Parma (e non solo) sconvolto dall’improvvisa scomparsa del presidente onorario di Parma Lirica, la storica associazione musicale che aveva fondato assieme a Lorenzo Màscari e Gigètt Mistrali - Leo Nucci, piangente, da Bilbao: “Non riesco a capacitarmene, per me era mio fratello” - Luca Salsi da Washington: “Prima della mia partenza per gli Stati Uniti mi aveva proposto un concerto con Virginia” - Mauro Biondini: “Non ho parole, era una persona meravigliosa” - Andrea Rinaldi: “Lo conoscevo da una vita, solo l’altro giorno, dopo "I masnadieri", era venuto a fare i complimenti al coro” - Cristina Bersanelli: “Era il mio secondo papà, mi aveva adottato” - Patrizia Monteverdi: “Era stato lui a farmi diventare presidente di Parma Lirica, ora mi sento addosso una grande solitudine” - Gabriella Corsaro: "Con me aveva un atteggiamento affettuoso, da padre" - Enzo Petrolini: “Una grande perdita per l’ambiente musicale cittadino e per l’intera città” - Michele Pertusi: “Una persona integerrima, un galantuomo d’altri tempi” - Sebastiano Rolli: “Un uomo pacato, sempre conciliante”
di ACHILLE MEZZADRI
La notizia mi è piombata addosso con una telefonata di Mauro Biondini. “Lo sai già?”. “No, che cosa?”. “Oggi pomeriggio è morto Paolo Ampollini”. Silenzio di qui e di là. Una notizia terribile, che in città, ma non solo, si è diffusa in un baleno. Perché Paolo, 79 anni compiuti il 31 maggio scorso, non era soltanto un grande appassionto di lirica, non era stato soltanto il cofondatore di Parma Lirica, nata dopo una scissione da Tampa Lirica, era anche e soprattutto un brav’uomo. Un gentiluomo d’altri tempi, che sentiva profondo il senso dell’amicizia. Anche per me è ............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO, COMPRENDENTE UN'INTERVISTA DEL 2009

Nessun commento: