O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 27 ottobre 2013

Il decennale della scomparsa di Franco Corelli nella rubrica di Renzo Allegri

CORELLI FACEVA REGISTRARE LE SUE INTERPRETAZIONI E ALLA FINE DI OGNI RECITA ANDAVA AD ASCOLTARSI
Renzo Allegri, nel decennale della scomparsa del grande tenore, lo ricorda con un lungo servizio che svela le ansie, le preoccupazioni e la meticolosità di Corelli durante la ua carriera - Ricorda anche uno struggente suo incontro con una vecchia gloria veronese della lirica, il tenore Bepi Lugo
Sono già trascorsi dieci anni dalla scomparsa di uno dei più grandi tenori del secolo scorso, Franco Corelli, che da molti è considerato addirittura il "numero uno". Renzo Allegri, giornalista e scrittore veronese che ha scelto di vivere nelle colline salsesi e che è un granfe amico di Pramzanblog, ricorda il grane artista con un lungo articolo tutto da leggere, nella sua bella rubrica "State Allegri". Copnsigliamo tutti gli appassionati di lirica di leggerla, così come la nuova punyata di "Nonsoloverdi", dove pure si trova, oltre all'annuncio di questo servizio, un'altra curiosità, sempre proposta da Allegri, su Corelli. Buona lettura.

Nessun commento: