/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 19 ottobre 2013

Festival Verdi 2013 - La"prima" de "I masnadieri": le opinioni a caldo

UN BUON SUCCESSO, CON ARONICA MATTATORE
Applausi per tutti, ma in particolare per il tenore Roberto Aronica in splendida forma - Apprezzata anche Amelia Florian, ormai una beniamina del pubblico di Parma e sucesso personale del basso Mika Kares - Sugli scudi come sempreil coro - Abbiamo raccolto i pareri a caldo di Andrea Rinaldi, Carlo Alfieri, Cristina Bersanelli, Rossano Rinaldi, Mauro Biondini, Enzo Petrolini, Gabriella Corsaro, Fausto Zatorri, Aureliana Maggio, Gigètt Mistrali, Mauro Guarenghi e del nostro critico musicale Paolo Zoppi
Non un trionfo assoluto, ma un buon successo. I Masnadieri, terzo titolo del cartellone operistico di questo Festival Verdi ha lasciato tutti abbastanza soddisfatti. Ma ha fatto registare anche un trionfo: quello el tenore Roberto Aronica (Carlo), che ha dimostrato di essere in splendide condizioni di forma. È piaciuta anche Aurelia Florian (Amalia), ormai una beniamina del pubblico di Parma, così come è piaciuto il basso Mika Kares (Massimiliano). Pareri discordi sul baritono Artur Rucinski (Francesco). Regia minimale con una scenografia .....
LEGGETE IL SERVIZIO COMPLETO

Nessun commento: