O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 18 settembre 2013

Parma nelle cartoline di una volta -5-

UN FIORE ALL'OCCHIELLO DELLA CITTÀ: LA FIACCADORI
A occhio anche adesso strada al Duomo è così, almeno in questo scorcio, a parte il campanile, che è ancora ingabbiato. Ma quello che colpisce è soprattutto la dicitura della cartolina: "Libreria Fiaccadori". Significava l'orgoglio della città per la storica società editrice e libreria che il guastallese Pietro Fiaccadori, indoddisfatto di come procedeva la sua attività, a causa della censiura, nel Ducato di Modena e Reggio, aprì a Parma nel 1829, facendola diventare un punto di riferimento per tutto il mondo culturale di Parma e non solo. Dopo la scomparsa di Pietro Fiaccadori la libreria è passata di mano parecchie volte.

Nessun commento: