/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 28 settembre 2013

I "27" superstar sul settimanale "Oggi"

IL BUSSETANO BRINDANI HA DEDICATO SEI PAGINE
DEL SUO "OGGI" AI VENTISETTE E AL FESTIVAL VERDI
Il settimanale della Rizzoli, diretto dal bussetano Umberto Brindani, in occasione del Bicentenario verdiano, ha dedicat un grande servizio di sei pahine, a firma Fiamma Tinelli e con le foto di Maki Galimberti, al Club dei Ventisette e al Festival Verdi - Il servizio comprende anche il programma del Featival e un'intervista al sindaco di Busseto, Maria Giovanna Gambazza
Umberto Brindani, il direttore di Oggi, non è uno che ama sbandierare ai quattro venti le sue origini parmigiane, e precisamente bussetane, però, in occasione del Bicentenario Verdian0, senza alcun spirito campanilistico ma semplicemente attinendosi all'esigenza del buon giornalismo, che è quella di "stare sulla notizia", in occasione del Bicentenario Verdiano ha dedicato ben sei pagine al Club dei 27  e al Festival Verdi, con un bel servizio, a firma di Fiamma Tinelli e con foto di Maki Galimberti, che comprende anche il programma del festival e una breve intervista al sindaco di Busseto, Maria Giovanna Gambazza. L'articolo dedicato ai 27 è gustoso e tutto a leggere. La giornalista ha anche dato voce ad alcuni, come  Stefano Bianchi-Aida, Giuseppe Azzali-Rigoletto, Paolo Zoppi-Falstaff, Fernando Zaccarini - Giovanna d'Arco. Ha ricordato pure la celebre vicenda di Verdi quando, bambino, dopo aver ricevuto uno scappellotto dal prete che lo aveva sgridato per aver fatto cadere un vassoio durante una finzione, gridò al prete: "Ch'at ciapi una sajéta!". Quel prete, con altri tre sacerdoti, morì quattro anni dopo, arso vivo nella sua chiesa, incendiata a causa di un fulmine.
(Nelle foto le sei pagine di "Oggi" dedicate al Club dei 27. Nella prima, nel tondo, il direttore del settimanale, Umberto Brindani)

Nessun commento: