/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 9 settembre 2013

I risultati del concorso "Banda del Bicentenario verdiano" a Busseto

HANNO VINTO I "NIPOTINI" DI ROCKY MARCIANO
Grande successo della manifestazione organizzata dall'Associazione bandistica Giuseppe Verdi di Busseto, che ha visto l'affermazione dell'Orchestra giovanile di fiati "Claudio Monteverdi" di Ripa Teatina, il paese in provincia di Chieti che ha dato i natali a due grandi pugili, Rocky Marciano e Rocky Mattioli - Tutte le bande partecipanti hanno ricevuto in omaggio la "Bicentenary March", composta per l'occasione dal maestro Alessandro Valtulini, direttore della Philharmonia Ochestra di Londra


Un successone. Tanto pubblico in piazza Verdi, tanta emozione tra le quattordici bande che hanno partecipato. Promossa a pieni voti la meritevole iniziativa della Banda Verdi di Busseto (presidente Massimo Comati) che ha messo in piedi questa speciale edizione del premio bandistico "Banda del Bicentenario Verdiano", distribuita in due giorni. Ieri sera l'apoteosi, con la vittoria  dell'Orchestra giovanile di fiati "Claudio Monteverdi" di Ripa Teatina, il paese in provincia di Chieti che ha dato i natali a due grandi pugili, Rocky Marciano e Rocky Mattioli. Per la verità Marciano nacque negli States, a Brockton, ma è considerato una gloria di Ripa Teatina perché i suoi genitori erano emigrati da lì. Tornando al concorso, uno spettacolo. Grande qualità in tutti i gruppi, ma i giovani ripesi (che sono diretti dal maestro Fausto Esposito e hanno ricevuto un premio di 1.500 euri) con un valore aggiunto. Insomma, la giuria (composta dal presidente, il maestro Alessandra Tamborlani, direttrice della banda Verdi di Busseto, nonché dal maestro Alessandro Valtulini, direttore della Philarmonia Orchestra di Londra,  il maestro Luciano Caggiati, direttore dell'orchestra di fiati del conservatorio Nicolini di Piacenza, il maestro Dino Rizzo, organista della Collegiata di San Bartolomeo a Busseto e noto concertista, nonché consigliere comunale e Gian Battista Corti, art relation e product development manager della Yamaha) ha fatto un'ottima scelta. Un premio speciale, un clarinetto offerto dalla Naima Music Store di Piacenza, è andato al Concerto Bandistico Città di Montalbano Jonico (Matera). Uno dei momenti più significativi dell'evento in due giornate è stato l'esecuzione della Bicentenary March della quale l'autore, il maestro Alessandro Valtulini, ha datto dono in cd a tutte le bande partecipanti. Forse la manifestazione, molto gradita dal foltissimo pubblico, avrebbe meritato una maggiore attenzione da parte del Comune di Busseto, comunque non è passata inosservata la presenza, all'ultimo momento, dell'assessore ai lavori pubblici, urbanistica, ambiente e protezione civile Angelo Burla.
(Nelle foto: 1) la banda vincitrice, l'Orchestra giovanile di fiati "Claudio Monteverdi" di Ripa Teatina; 2) Il maestro Fausto Esposito, direttore dell'Orchestra giovanile di fiati "Claudio Monteverdi", sul palco per la premiazione, accanto alla presidente della giuria, il maestro Alessandra Tamborlani, direttrice della banda Verdi di Busseto; 3) La giuria: da sinistra, Gian Battista Corti, Luciano Caggiati, Alessandra Tamborlani, Alessandro Valtulini e Dino Rizzo)

1 commento:

Gessica ha detto...

Grazie Sig. Mezzadri, lei è da tanti anni un amico della nostra banda. Ci fa davvero piacere trovare spazio sul suo blog!