O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 7 settembre 2013

Domani sera Parma rivivrà l'8 settembre 1943

CON "UN'ISTANTANEA ILLUMINAZIONE" SI RICORDERÀ
CHE COSA ACCADDE NELLA NOTTE DELL'ARMISTIZIO
Grazie alla ricerca e alla riscrittura drammaturgica di Guido Pisi, con le voci di Giancarlo Ilari (nella foto), Elena Bacchini e Simone Baroni, con il violino di Adriano Engelbrecht e il coordinamento di Andrea Di Betta, nel cortile della Biblioteca Civica, in vicolo Santa Maria, si alterneranno il racconto della storia dell'8 settembre e la lettura delle testimonianze, mentre sullo schermo scorreranno le immagini di ciò che accadde - Qui presentiamo uno dei tanti filmati che saranno presentati: l'intervista di Andrea Di Betta a Carlo Rossi, uno dei soldati che vissero quei terribili momenti


↵ Use original player
YouTube
← Replay
X
i

Nessun commento: