/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 4 settembre 2013

Dialettando -1-

MA COME ERANO BELLI GLI STRANOMM...
Qualche stranomm sopravvive ancora, ma sono come mosche bianche - Una volta a Parma gli stranomm erano di rigore, immaginifici e straordinari - Il poeta Alfredo Zerbini  ce ne ha lasciati addirittura a migliaia - Noi ne ricordiamo soltanto alcuni, assieme a quelli raccolti da Enrico Ghirarduzzi, Angelo Mezzadri e Alberto Michelotti - Buon divertimento
DUECENTOSETTANTACINQUE STRANOMM PRAMZÀN

1 commento:

Anonimo ha detto...

Bravo Achille! Parma di una volta, quanta malinconia! Ogni stranomm...una storia. Non dimentichiamoli!