O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 19 agosto 2013

Un grave lutto ha colpito monsignor Solmi

LA SCOMPARSA DELLA MAMMA DEL VESCOVO
Sul sito della Diocesi e su quello del settimanale  Vita Nuova si leggono l'annuncio della morte, avvenuta domenica pomeriggio a Formigine, in provincia di Modena, di Alberta Silvestri, la madre di monsignor Enrico Solmi - Il funerale avrà luogo domani alle 10,30 a partire dalla parrocchiale di Formigine - Le condoglianze più sentite da parte di Pramzanblog
Per rispetto della privacy il 25 luglio scorso avevamo ignorato la notizia dell'improvviso ritorno dal Brasile del vescovo di Parma, monsignor Enrico Solmi (che si trovava nel Paese sudamericano in occasione della giornata mondiale della Gioventù assieme a un gruppo di giovani parmigiani) per correre a Formigine, in provincia di Modena, al capezzale della madre, Alberta Silvestri Solmi. Ora, sul sito della Diocesi di Parma, e su quello di "Vita Nuova", appare purtroppo l'annuncio della scomparsa della mamma del vescovo, avvenuta nel pomeriggio di domenica. Il funerale avrà luogo domani, alle 10,30, a partire dalla parrocchiale di Formigine. Al vescovo Solmi le più sentite condoglianze da parte  della direzione e da tutta la grande famiglia di Pramzanblog.

1 commento:

bedo ha detto...

Mi unisco alle condoglianze molto sentite.
Enrico Ghirarduzzi