Canzone natalizia del dicembre 2011 dedicata a tutti i parmigiani. Testo e musica di Achille Mezzadri, arrangiamento di Roberto Barrali, Coro delle Voci Bianche della Corale Verdi diretto da Beniamina Carretta. Produzione dell'allora (poi defunto) "Superblog pramzàn" (Pramzanblog di Achille Mezzadri, Parmaindialetto di Enrico Maletti e Stadiotardini.com di Gabriele Majo). Con: Vittorio Adorni, Luciano Armani, Monica Bertini, Mauro Biondini, Alberta Brianti, Robi Bonardi, Paolo Bucci, Giancarlo Ceci, Carlo Chiesa, Claudia Corbani, Zaira Dalla Rosa Prati, Tonino Fereoli, Armando Gabba, Gino e Dino, Gabriele Majo, Enrico Maletti, Corrado Marvasi, Achille Mezzadri, Alberto Michelotti, Edda Ollari, Maria Francesca Piedimonte, Victor Poletti, Francesca Strozzi, Paola Sanguinetti, Lorenzo Sartorio, Maurizio Trapelli (Al Dsèvod, secondo la grafia della Famìja Pramzàna), Daniele Villani, Paolo Zoppi. Riprese di Steve Mezzadri e Pietro Maletti. Montaggio di Steve Mezzadri. Sigle di Pietro Maletti. Realizzazione del video nella Sala Gandolfi della Corale Verdi.

O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 5 agosto 2013

Speciali Bicentenario Verdiano: una storia sorprendente

VERDI, LA BAMBINA E... UN “CAGNOLONE”
Il Genio di Busseto, negli ultimi anni della sua vita, quando risiedeva per lunghi periodi al Grand Hotel et Milan, era molto affezionato a un suo cane, un terranova che aveva chiamato “Cagnolone”: lo portava regolarmente a passeggio e a volte, quando non era con lui la moglie Giuseppina Strepponi, gli consentiva perfino di dormire nel suo letto - La presenza di questo amico a quattro zampe (del quale non si sapeva quasi nulla), nella vita del Maestro, è stata rivelata al giornalista e scrittore Roberto Allegri da Angela Corvaja, che ha svelato episodi inediti della vita milanese di Verdi attraverso i racconti che le faceva sua nonna Giovanna Wurms - “Mia nonna conobbe Verdi quando era una bambina di 8 anni ed ebbe con lui  un rapporto esclusivo, tipico di un nonno con una nipotina - “La Strepponi non voleva che il maestro mangiasse dolci e lui li mangiava di nascosto con Giovanna” - “Da signorina lei volle stare vicina al Maestro ed alloggiò nella stanza accanto, per essergli vicina nei momenti del bisogno”
di ROBERTO ALLEGRI
foto di NICOLA ALLEGRI
Ricorrono i 200 anni della nascita di Giuseppe Verdi. La vita e le opere del grande musicista italiano in questo periodo sono di attualità. Ogni aspetto della sua esistenza, anche minimo, diventa notizia importante. Si desidera sapere tutto di lui, anche le cose più strane: che cosa mangiava, quali libri leggeva, quale era il suo vino preferito, come organizzava le sue giornate, quali piante della sua  vasta tenuta a Sant’Agata preferiva. Tutto interessa, tutto diventa occasione per entrare nell’animo di questo artista, uno dei più grandi protagonisti musicali dell’Ottocento e uno degli italiani più conosciuti e amati. Su Verdi sono stati scritti innumerevoli articoli e libri. Sembrerebbe impossibile riuscire a trovare qualche cosa di ancora inedito. Invece, ecco a Milano ho conosciuto una signora molto speciale, ricca di ricordi storici, molti dei quali riguardano proprio Giuseppe Verdi. Si chiama Angela Corvaja, classe 1934, vedova di un giornalista e scrittore, Piero Lugaro, vincitore del Premio Angelo Narducci 1991. Lei, Angela, è stata stilista e imprenditrice nel settore della moda, ma fin da giovane ....
(Nella foto in alto: Roberto Allegri, l'autore dell'articolo)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: