/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 7 agosto 2013

Il decennale della scomparsa di Andrea Borri

DIECI ANNI SENZA L'ONOREVOLE BORRI
Fu uno dei personaggi più importanti della politica, ma anche dello sport, nella storia contemporanea della nostra città
Rugbista, lasalliano, notaio, deputato, presidente della Provincia. Questo fu Andrea Brri, scomparso il 7 agosto 2003, quel 2003 in cui si spensero due stelle luminose di Parma, Borri, appunto e poi Baldassarre Molossi , lo storico direttore della "Gazzetta di Parma". Andrea Borri fu un democristiano doc e dieci anni fa fu Romano Prodi a tenerne l'orazione funebre. Per la sua fede politica poteva piacere o non piacere, ma è indubbio che ha dato molto alla città e che la sua perdita ha lasciato un grande vuoto.
La Fondazione Borri ha organizzato una serie di eventi per ricordare l'onorevole in occasione del decennale. Oggi è stata celebrata una messa solenne in Duomo, sabato 24 e domenica 25, a Compiano, in occasione della manifestazione "Expo Taro / Ceno" ci sarà il convegno "Il bosco e la Terra", dedicato ad Andrea Borri, organizzato con Compiano Arte Storia e Centro Studi della Valle del Ceno "Cardinal Samorè". Il 31 agosto, poi, commemorazione alla Centrale di Marra e annuale festa di Bosco di Corniglio, dedicata a Borri.

Nessun commento: