O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 13 luglio 2013

La scomparsa di Antonio Guerci, il Console di Milano

SE NE È ANDATO VIA ANCHE IL CONSOLE
MA “BÉL CME ‘L SÓL”
COME È SEMPRE STATO NELLA VITA

Antonio Guerci, il mitico console milanese della Famìja Pramzàna è scomparso ieri mattina nella casa di riposo di Muggiò dove ha trascorso gi ultimi mesi della sua vita - Aveva 91 anni - Il 22 ottobre era stato il grande protagonista, alla Famìja Pramzàna, della cerimonia di consegna el golfalone del consolato milanese alla “casa madre” - Subito dopo aveva collaborato a Pramzanblog con la sua rubrica “Bél cme ‘l sól” - Fino all’ultimo al suo fianco il fedelissimo gran ciamberlano” Franco Guaglione - I funerali venerdì prossimo nella sua Monza, nella chiesa di San Biagio
la storia del consolato
di ACHILLE MEZZADRI
La vita va così, comincia e finisce. Così come ogni storia bella. Ed è stata una bella storia pramzàna quella di Antonio Guerci, pramzàn dal sas esule in Lombardia, per una vita "Console" della Famìja Pramzàna. Se ne è andato ieri in tarda mattinata, nella casa di riposo di Muggiò, non distante dalla sua Monza, dove era ricoverato da qualche mese. Aveva 91 anni. Gli è stato vicino fino all'ultimo il suo fedelissimo "gran ciamberlano", come usava ai tempi dei principi.

Nessun commento: