Canzone natalizia del dicembre 2011 dedicata a tutti i parmigiani. Testo e musica di Achille Mezzadri, arrangiamento di Roberto Barrali, Coro delle Voci Bianche della Corale Verdi diretto da Beniamina Carretta. Produzione dell'allora (poi defunto) "Superblog pramzàn" (Pramzanblog di Achille Mezzadri, Parmaindialetto di Enrico Maletti e Stadiotardini.com di Gabriele Majo). Con: Vittorio Adorni, Luciano Armani, Monica Bertini, Mauro Biondini, Alberta Brianti, Robi Bonardi, Paolo Bucci, Giancarlo Ceci, Carlo Chiesa, Claudia Corbani, Zaira Dalla Rosa Prati, Tonino Fereoli, Armando Gabba, Gino e Dino, Gabriele Majo, Enrico Maletti, Corrado Marvasi, Achille Mezzadri, Alberto Michelotti, Edda Ollari, Maria Francesca Piedimonte, Victor Poletti, Francesca Strozzi, Paola Sanguinetti, Lorenzo Sartorio, Maurizio Trapelli (Al Dsèvod, secondo la grafia della Famìja Pramzàna), Daniele Villani, Paolo Zoppi. Riprese di Steve Mezzadri e Pietro Maletti. Montaggio di Steve Mezzadri. Sigle di Pietro Maletti. Realizzazione del video nella Sala Gandolfi della Corale Verdi.

O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 15 luglio 2013

Gli 83 anni di "Albertone - baracón"

BÓN COMPLEÀN MICLOT
(lettera aperta a un grande pramzàn)
Caro Alberto,
noi quando ci sentiamo al telefono prima e dopo le partite del Parma, ci parliamo in dialetto, ma qui la cosa si fa seria perché oggi è il tuo compleanno numero 83, un giorno importante, e se scrivo in dialetto e faccio qualche errore... la va a fnir ch'a ciàp su dal cojón da Malètt, l'ätor Mezzadri, Sartorio e da tutta la Famìja Pramzàna. Allora uso il forbito italiano per dirti, caro Miclòt, che da quando siamo amici (amicizia bambina, che ha solo cinque anni) la mia vita di strajè è migliorata. Non piagnucolo più la mia nostalgia parmigiana, non ne ho più bisogno, perché sei tu, soprattutto, a farmi sentire pramzàn cme cuand s'éra putén. Tu con i tuoi guizzi oltretorrentini, e l'ironia, e la goliardia, e il coraggio, e l'umanità, e l'altruismo, dei veri parmigiani che... una volta eravate in tanti, adesso sembrate... gli ultimi mohicani. Be', tirèmma dritt, caro Miclot. Continua a non voltarti indietro, vai avanti così, unico e irripetibile, testimonial di una Parma che non vuol morire. Hai tempo, tranquillo, per svolgere la tua "missione". Due anni fa mi dicevi: a sarò chì ancorra par sincuant'àni... Ecco, hai 48 anni di tempo per tenere alto il vessillo della parmigianità. Fallo come sai fare tu, con simpatia e decisione, senza mai inchinarti ai potenti e agli arroganti. Difendi la tua, la nostra Parma, dal qualunquismo, dall'arrivismo, dallo stupidismo (oh, ät visst? A j'ò inventè un vocaból...), continua a saltare come un grillo dal Tardini al Regio, dal Club dei 27 a tutti i luoghi dove ti chiamano perché non sai dire di no. Vai, Miclòt, non fermarti. Ma quando torni a casa ricordati sempre di dare un basén ala to vécia, la sjòra Laura, una santa che più santa non si può. Hai avuto fortuna, caro Alberto, nella vita:  da "baracón" dei borghi a mito dello sport e di Parma, con una grande moglie, due grandi figlie, Vania e Sonia, quattro grandi nipoti, Alberto, Luca, Giulia e Silvia, e un'intera città che ti vogliono bene. Mo co' fät, Miclòt, cridot? Dai, scherzavo... Buon compleanno. Achille

Nessun commento: