O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 2 luglio 2013

AFFISSIONE: la lettera di un nostro lettore

QUEI PULCINI BAGNATI
INCURANTI DEL FREDDO E DELLA PIOGGIA
Del calcio crediamo di sapere quasi tutto: dei campioni super pagati, delle grandi e piccole società, degli scandali e dei trionfi, ma spesso dimentichiamo la vera essenza di questo sport, che è passione, sacrificio, entusiasmo - Ce lo ricordano i bambini e Roberto Dalla Tana ci ha scritto una lettera che è nello stesso una preziosa testimonianza: descrive una partita della categoria “pulcini” di oltre un mese fa, alla quale ha preso parte anche suo figlio Andrea, di 9 anni - Vi consigliamo di leggerla
LA LETTERA DI ROBERTO DELLA TANA

Nessun commento: