O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 16 giugno 2013

Spigolature pramzàne -3-

A PARMA BLAISE PASCAL DIVENTA BIAGIO
Le persone istruite sanno che Blaise Pascal (1623 - 1662) fu un matematico, fisico, filosofo e teologo francese. Fu così importante nel suo tempo che ancor oggi molte città, in Europa, lo ricordano intitolandogli scuole e strade. Ovviamente anche Parma, ma la nostra città si distingue perché, intitolando una via al celebre personaggio, è stato "italianizzato" il suo nome, come se fossimo ancora ai tempi del fascismo. Però la strada che collega via Orazio con via Muratori, nel quartiere Lubiana, è recente e non risale certo al ventennio mussoliniano. La scelta è curiosa, visto che anche su Google Maps, come si vede qui sopra, è indicata come via Blaise Pascal. Come a Brescello, a Reggio Emilia, e in altre città italiane. Mah...

Nessun commento: