/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 21 giugno 2013

Le strade e le piazze di Parma nei volti dei personaggi a cui sono intitolate -32-

"UNA VIA, UN VOLTO": BORGO DEL CORREGGIO

A Parma vale da anni la buona abitudine di affiancare ai nomi delle strade e delle piazze anche l'antica denominazione - Sarebbe interessante se accanto ai nomi dei personaggi ci fosse anche un ritratto - A questa piccola lacuna sopperisce Pramzanblog - Oggi proponiamo Borgo del Correggio, che collega piazzale San Giovanni a strada Aurelio Saffi
ANTONIO ALLEGRI, DETTO "IL CORREGGIO" (Correggio agosto 1489 -  Correggio 5 marzo 1534). A Parma, dove fu attivo dal 1520, quando dipinse il "Ritratto di dama", ora all'Ermitage, lasciò capolavori come la Camera della Badessa nel Monaster di San Paolo, gli affreschi delle cupole di San Giovanni e del Duomo. Il borgo gli fu intitolato con delibera del consiglio comunale del 23 agosto 1882. In precedenza era chiamato borgo Pescara, forse perché in quel luogo vi era una fossa ove si pescava pesce per la cui tassa pagata dall'appaltatore il comune traeva un certo reddito. La via fu anche chiamata borgo degli Uccellacci, per i dipinti esistenti sulle facciate delle case di proprietà del convento di San Giovanni.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Borgo storico e di grandi ricordi!!