O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 1 giugno 2013

L'angolo del buongustaio

SAPESSI COM'È STRANO MANGIARE
UN'OTTIMA TORTA FRITTA A MILANO
Sui Navigli, a Milano, e precisamente in via Pasquale Paoli 2, all'angolo di Ripa di Porta Ticinese, c'è una "enclave" gastronomica che...  pare di essere a Parma. Eppure non è gestita da parmigiani. Peccato che si chiami "Osteria del gnocco fritto"... ma la torta fritta (qui servita a volontà, senza limitazioni) è davvero eccezionale, come la si può gustare negli indirizzi "storici" di Parma e provincia. E anche il culatello, il prosciutto, la coppa, il lambrusco, il nocino.... Insomma, per i parmigiani "esuli" a Milano e quelli che nel capoluogo lombardo vengono spesso, questa suggestiva osteria, merita assolutamente un "pellegrinaggio". Ci si arriva anche con la metro (fermata Porta Genova). E ha pure un sito web: www.gnoccofrittomilano.it

Nessun commento: