O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 13 giugno 2013

Giro di Slovenia: Adriano Malori delude nella cronometro


MALE MALORI A LUBIANA,
LA CITTÀ GEMELLA DI PARMA
Il campione traversetolese della Lampre Merida si è classificato soltanto quinto nella prova contro il tempo della prima tappa del Giro di Slovenia
Giornata "no" di Adriano Malori al Giro di Slovenia che è cominciato oggi. Il recente vincitore della Bayern Rundfahrt (il Giro di Baviera) era atteso a una possibile vittoria nella prova a cronometro, tappa inaugurale del Giro di Slovenia, che si è svolta a Lubiana, città gemellata con Parma. Invece Adriano, non ha trovato la pedalata giusta e negli 8,8 chilometri del percorso cittadino di Lubiana, si è classificato soltanto quinto, distaccato di ben 16 secondi dal vincitore, il canadese Svein Tuft dell'Orica Green Edge. È arrivato al traguardo molto provato e deluso, scrollando la testa. Pazienza. Una giornata "no" può capitare. Il mondiale a cronometro di Montecatini è ancora lontano... E il "Malo" non è tipo che si abbatte.


Nessun commento: