O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 31 maggio 2013

Tutto quello che bisogna sapere della nostra storia -8-


"SPAZIO ALLA CULTURA":
L'ASSASSINIO DI GASPARE BOLLA DEL 5 GIUGNO 1874

Per la rubrica "Spazio alla cultura" che, senza scadenze fisse presenta "chicche" di storia, di arte, di letteratura, ricordiamo, con un articolo di Achille Mezzadri, un delitto che scosse la città 139 anni fa - Nell'allora Strada dei Genovesi fu ucciso il consigliere prefettizio Gaspare Bolla, inviso ai parmigiani che lo chiamavano "Carlén tri", ricordando l'assassinio del duca Carlo III - Alla sua morte sua moglie Pia Marchi era incinta di Gaspare, che poi divenne un famoso aviatore ed al quale è dedicato l'aeroclub di Parma - Per quel delitto fu incolpato Pietro Vitali, detto "Bornisa", che scontò 37 anni di carcere duro, forse innocente
Il manifesto con il quale il comune di Parma il 7 giugno 1878, due giorni dopo il delitto, invitò la cittadinanza a partecipare al funerale del cavalier avvocato Gaspare Bolla, che si svolsero l'indomani. Nel tondo l'autore dell'articolo
☛☛☛ LEGGETE "SPAZIO ALLA CULTURA"

Nessun commento: