O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 3 maggio 2013

Operazione "Salviamo il Nuovo di Parma"

IL TAM TAM FUNZIONA: COSÌ I PARMIGIANI
FANNO VIVERE IL SOGNO DEL "NUOVO DI PARMA"
Oggi è uscito quello che rischia di essere l'ultimo numero del settimanale di Parmaedi, ma molti parmigiani si stanno dimostrando sensibili al tam tam della Rete (al quale si è associato molto volentieri Pramzanblog) e al volantinaggio effettuato dalla redazione - Qui vediamo un lettore della prima ora di Pramzanblog, Mauro Raschi, che non solo è stato tra i primi a scrivere la sua mail (l'indirizzo è redazione@ilnuovodiparma.it) con la quale si è impegnato a sottoscrivere un abbonamento annuale, ma oggi si è anche fatto fotografare con una copia del giornale appena comprata, che tiene "issata" come una bandiera. La bandiera della speranza

Nessun commento: