/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 13 maggio 2013

Le date della storia: il 13 maggio del '44

LÀ DOVE ADESSO C'È L'ERBA C'ERA UNA VOLTA IL REINACH
Quel giorno, era un sabato, le bombe "amiche" degli americani devastarono buona parte del centro della città - Una delle "vittime" fu il Teatro Reinach (dal '39 chiamato "italianamente" Paganini) che sorgeva nell'attuale Piazzale della Pace, quasi accanto al Palazzo della Prefettura, ex Palazzo Ducale
di ACHILLE MEZZADRI
Era un sabato quel tragico 13 maggio del ’44. Sessantanove ann i fa. Un sabato qualunque di guerra, con i bombardieri “amici” (americani, ben 74 B24 della XV Brigata) che alle due e mezza del pomeriggio sorvolarono la città devastandola, per la quarta volta. (Ma fu anche il giorno più nero per Fidenza). I danni furono enormi, oltre naturalmente alle vittime. Furono “centrati” l’ex Palazzo Ducale, il monumento a Verdi, in piazzale della stazione, Barriera Garibaldi, l’hotel Croce Bianca, il Teatro Farnese, la Palatina, piazza Garibaldi all’imbocco di via Mazzini, l’albergo diurno Cobianchi, la chiesa di Santa Teresa, la banca Commerciale di Piazza Garibaldi, via Saffi, la scuola Giordani e la chiesa di san Giovanni, un’ala del carcere di San Francesco.... E il Teatro Reinach, ribattezzato nel ’39 “Paganini” perché........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: