O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 6 maggio 2013

La scomparsa del senatore a vita Giulio Andreotti

È MORTO GIULIO ANDREOTTI
Aveva 94 anni - Si è spento alle 12,24 nella sua casa romana
Nato a Roma il 14 gennaio 1919, è stato uno dei principali esponenti della Democrazia Cristiana,  protagonista della vita politica italiana per tutta la seconda metà del ventesimo secolo.È stato il 16º, 19º e 28º presidente del Consiglio, senatore a vita e ha ricoperto più volte numerosi incarichi di governo:
sette volte premier (tra cui il governo di "solidarietà nazionale" durante il rapimento di Aldo Moro,  con l'astensione del Pci e il governo della "non-sfiducia", con la prima donna-ministro, Tina Anselmi. E' stato anche otto volte ministro della Difesa, cinque agli Esteri, tre volte ministro delle Partecipazioni Statali, due volte delle Finanze Bilancio e Industria, una volta ministro del Tesoro, dell'interno, dei beni culturali e delle Politiche comunitarie.

Nessun commento: