O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 6 maggio 2013

La nuova puntata di "Su il sipario"


I "27" TORNANO AL COMPLETO CON "OTELLO" E "STIFFELIO"
MICHELE PERTUSI CARISMATICO IN "OBERTO"
Paolo Zoppi, nella nuova puntata della sua rubrica, ci parla dell'ingresso di nuovi due soci nel Club dei 27, Massimo Galli ("Otello") e Aldo Usberti ("Stiffelio") - Ma Zoppi è andato anche a Milano per gustarsi, alla Scala, la prima opera di Verdi "Oberto conte di San Bonifacio" con un Michele Pertusi di grande carisma
Dopo la scomparsa di Pio Pellacini ("Otello") e di Silvio Fontana ("Stiffelio"), i "27" erano rimasti... in venticinque. Ma nei giorni scorsi lo storico club presieduto da Enzo Petrolini  è tornato al gran completo, con "l'investitura" del nuovo "Otello" (Massimo Galli) e del nuovo "Stiffelio" (Aldo Usberti). Paolo Zoppi ce ne parla nella puntata odierna di "Su il sipario", che comprende anche la recensione di "Oberto conte di San Bonifacio", prima opera verdiana, andata in scena alla Scala con il basso parmigiano Michele Pertusi interprete principale.

Nessun commento: