O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 6 maggio 2013

Giulio Andreotti: dall'archivio di Giovanni Ferraguti

LE GIORNATE PARMIGIANE DI ANDREOTTI
Sono state numerose le visite compiute nella nostra città dal senatore Giulio Andreotti, scomparso questa mattina a Roma. Tra le tante vanno ricordate quella in occasione della riapertura del Battistero dopo i restauri del 1992, quella per la commemorazione dell'ex sindaco Giacomo Ferrari, quella per l'inaugurazione del ponte Alcide De Gasperi, nel 2005. Qui lo vediamo nella nostra città in tre foto che ci arrivano dall'archivio di Giovanni Ferraguti, il famoso giornalista e fotoreporter,  che Pramzanblog ringrazia
Andreotti nel 1992 accanto al sindaco Mara Colla, quando in veste di ministro ad interim dei Beni Culturali venne a Parma in occasione dei restauri del Battistero

Nessun commento: