O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 26 maggio 2013

Giro di Baviera: il trionfo di Adriano Malori

MALORI, IL SIGNORE DELLA BAVIERA
Il campione di Traversetolo, al termine dell'ultima tappa, è arrivato a Norimberga in maglia gialla ed ha conquistato così il Giro di Baviera, dove già si era classificato secondo nel 2010, da neo professionista - È il primo italiano a vincere la corsa tedesca, aperta ai professionisti dal 1990 - Per Adriano questa è la terza vittoria stagionale, la quinta da "prof"
Grande Adriano! Da oggi il campione traversetolese della Lampre Merida può essere definito "Signore della Baviera", visto che ha vinto la Bayern Rundfahrt  (nessun italiano prima di lui era riuscito nell'impresa), la stessa corsa dove nel 2010, da neo professionista, si era classificato secondo. La vittoria è arrivata grazie all'ottimo comportamento di tutta la Lampre nelle prime tre tappe, con Adriano che ha disputato perfino degli sprint, ma soprattutto grazie alla superba prova a cronometro di ieri, nella quale ha dominato, nonostante un inizio non felicissimo, causato da un rapporto troppo duro. Oggi nell'ultima  tappa, che si è conclusa con la vittoria di Heinrich Haussler, tutta la Lampre Merida ha controllato la corsa per difendere il primato del traversetolese.

Nessun commento: