O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 26 aprile 2013

Una lettera di Giorgio Pagliari su Facebook

“AVREI VOTATO RODOTÀ
SE NON FOSSE STATO IL CANDIDATO DEI CINQUE STELLE”
Il senatore parmigiano del PD ha scritto una lettera aperta sulla sua pagina del popolare social network per spiegare quello che è successo nei giorni scorsi nel suo partito in occasione dell’elezione del presidente della Repubblica - La pubblichiamo integralmente
di GIORGIO PAGLIARI
Carissime e carissimi,
 ho cercato di rispondere individualmente, ma non credo di essere riuscito a riscontrare tutti i messaggi: me ne scuso. Per altro, penso che sia giusto rispondere collettivamente per riassumere e rendere più trasparente il mio pensiero. 
1. Premetto doverosamente che mi assumo fino in fondo le mie responsabilità e che ciò che espongo di seguito non deve essere letto, in alcun modo, come un tentativo di sottrarmi a queste ultime. Il punto di partenza è stata la impostazione data dal Segretario nazionale: da un lato, governo di cambiamento; dall'altro, ricerca di larga condivisione per l'elezione del Presidente della Repubblica. Orbene, la larga condivisione.......
LEGGETE LA LETTERA COMPLETA

Nessun commento: