O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 23 aprile 2013

Le strade e le piazze di Parma nei volti dei personaggi a cui sono intitolate -11-

"UNA VIA, UN VOLTO": BORGO GIACOMO TOMMASINI
A Parma vale da anni la buona abitudine di affiancare ai nomi delle strade e delle piazze anche l'antica denominazione - Sarebbe interessante se accanto ai nomi dei personaggi ci fosse anche un ritratto - A questa piccola "lacuna" sopperisce Pramzanblog - Oggi proponiamo Borgo Giacomo Tommasini, già Borgo Chiodinella, che collega via della Repubblica con borgo Felino
GIACOMO TOMMASINI (Parma 2 luglio 1768 - Parma 26 novembre 1846). Fu uno dei medici più importanti del suo tempo e nel 1794 fu nominato professore di fisiologia e patologia all'Università. Le sue lezioni erano talmenhte apprezzate che ottenne un aumento di stipendio in via straordinaria. Durante il periodo del dominio napoleonico, l'Università di Parma rischiò la soppressione, ma lui, inviato a Genova a incontrare Napoleone assieme al conte Filippo Linati e al banchiere Giuseppoe Serventi, riuscì a ottenere la revoca del provvedimento. Più tardi divenne il medico personale della Duchessa Maria Luigia.




Nessun commento: