O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 21 aprile 2013

Le strade e le piazze di Parma nei volti dei personaggi a cui sono intitolate -10-

"UNA VIA, UN VOLTO": VIA PAOLO MARIA PACIAUDI
A Parma vale da anni la buona abitudine di affiancare ai nomi delle strade e delle piazze anche l'antica denominazione - Sarebbe interessante se accanto ai nomi dei personaggi ci fosse anche un ritratto - A questa piccola "lacuna" sopperisce Pramzanblog - Oggi proponiamo Via Paolo Maria Paciaudi, che collega via Verdi con viale Toschi
PAOLO MARIA PACIAUDI (Torino 23 novembre 1710 - Parma 1° febbraio 1785). Fu un religioso, archeologo, bibliotecario e antiquario. Arrivò nel 1761 a Parma alla Corte di Filippo di Borbone con il titolo di bibliotecario e antiquario. L'anno successivo fondò la Reale Bibioteca di Parma (l'attuale Palatina) di cui fu direttore fino al 1774. Divenne uno dei più stretti collaboratori di Du Tillot.


Nessun commento: