O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 15 aprile 2013

La nuova puntata di "Su il sipario"


VITALI, IL GIOVANE LOGGIONISTA CHE È
DIVENTATO L'UNDICESIMA COLONNA DEL REGIO
Nella puntata numero 159 di "Su il sipario" Paolo Zoppi dà la parola a uno dei più giovani frequentatori della "piccionaia", Umberto Vitali,  soprannominato "l'undicesima colonna" perché staziona spesso davanti al teatro, che considera la sua seconda casa - Nella puntata c'è anche il ricordo di un grande tenore del passato, Ferruccio Tagliavini
Il giovane loggionista Umberto Vitali e il grande tenore del passato Ferruccio Tagliavini
Ha 23 anni ed è già, dal 2008, un assiduo frequentatore del loggione del Teatro Regio. Si chiama Umberto Vitali ed è un dipendente della Pinacoteca Stuard, con la passione per la lirica, sbocciata dopo aver visto La pietra del paragone di Gioachino Rossini. Paolo Zoppi lo conosce e lo stima da tempo e l'ha inserito nella galleria degli habitué della "piccionaia" che fa parte della rubrica "Su il sipario". La puntata odierna comprende anche, per la serie "Quelle sere al Regio", il ricordo di un grande tenore del passato, Ferruccio Tagliavini, che si diplomò al Conservatorio Boito e che a Parma cantò parecchie volte, tra le quali due insieme con la prima moglie, Pia Tassinari.
LEGGETE IL NUMERO 159 DI "SU IL SIPARIO"

Nessun commento: