O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 21 aprile 2013

Il “nostro” Paolo Bucci al telefono dalla capitale inglese

DAI DESERTI ALLA CITY PER VIVERE (CON ALTRI PARMIGIANI) L’EMOZIONE DELLA MARATONA DI LONDRA
Il popolare ultrarunner di San Polo di Torrile ha partecipato questa mattina alla celebre gara che oggi ha assunto il particolare significato di risposta del mondo dei “runners” al tragico attentato alla maratona di Boston di domenica scorsa - “È stata una grande giornata di sport, in una splendida Londra allietata dal sole” - “Una festa di colori, di gioia, nel nome dell’amicizia, ma tutto il percorso della maratona era controllato a vista da un impressionante schieramento di forze dell’ordine” - “Ho concluso la corsa con un tempo che per me, a sessant’anni, è soddisfacente: 3 ore , 54 minuti e 9 secondi” - “La mattinata era cominciata con un po’ di apprensione: al mio albergo erano arrivati i vigili del fuoco per un principio di incendio”
di ACHILLE MEZZADRI
Il “nostro” Paolo Bucci era, stamattina, tra i trentasettemila runners che hanno percorso le strade della capitale inglese per partecipare alla celebre London Marathon. “Nostro” non perché sia un testimonial di Pramzanblog, ma semplicemente perché ci lega una reciproca amicizia e lo spirito lasalliano, nonché il comune amore per il podismo (lui di corsa, io di marcia). Ebbene, Paolo non era l’unico parmigiano, nel suo gruppo ce n’erano altri sette, ma.....
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: