O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 25 marzo 2013

Tutto quello che bisogna sapere della nostra storia -4-

"SPAZIO ALLA CULTURA":
IL 26 MARZO L'ATTENTATO MORTALE AL DUCA CARLO III

Per la rubrica “Spazio alla cultura” proponiamo la ricostruzione della tragica fine del duca di Parma, che fu ferito a morte con uno stiletto poco prima delle sei del pomeriggio del 26 marzo 1854 durante una passeggiata in strada Santa Lucia (l’attuale via Cavour) all’altezza di borgo San Biagio - Il duca morì il giorno dopo, alle 17,30 - Fu presto arrestato il presunto attentatore, il sellaio e tappezziere mazziniano Antonio Carra, che fu incarcerato, ma pochi giorni dopo riuscì a convincere gli inquirenti della sua innocenza ed emigrò in Argentina - In un secondo tempo, da Buenos Aires, Carra scrisse al governo di Parma autoaccusandosi del delitto, ma restò il dubbio: fu davvero lui, o un marito tradito che si vendicò del duca dongiovanni  impenitente o addittura il delitto va imputato a una congiura di palazzo?
L'attentato mortale a Carlo III in una stampa del tempo. Nel tondo, Achille Mezzadri, l'autore dell'articolo
LEGGETE "SPAZIO ALLA CULTURA"

Nessun commento: