O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 8 marzo 2013

Stagione lirica 2013 - I protagonisti: Anna Malavasi


“A PARMA SI RESPIRA
UN’ARIA FRIZZANTINA AL PEPERONCINO”
Il mezzosoprano che ha successo nel ruolo di Fenena in “Nabucco” si è appassionata alla lirica quando aveva 4 anni - “Ero stregata da un ‘Barbiere’ con Gobbi, la Callas, Alva e Zaccaria e imitavo le voci di tutti i cantanti” - “Dalla terza elementare ho cominciato lo studio del pianoforte” - “Nel 2000 ho esordito come soprano, poi ho cambiato registro e sono felicissima della scelta” - “Sono soddisfatta del mio debutto a Parma: si capisce che qui si vive il teatro come una volta”


di PAOLO ZOPPI
Chiamarla “bimba prodigio” forse è eccessivo, ma intuitiva, volitiva e intraprendente certamente si! Ascoltare Il Barbiere di Siviglia e imitare tutte le voci, maschili e femminili è sempre stato un bel divertimento in cui si sono cimentati in tanti, ma se si fa a tre o quattro anni la cosa non è così frequente e se si rimane letteralmente stregati, sempre a quell’età, dal Requiem di Mozart, straordinariamente bello invero, ma assai distante .......

Nessun commento: