O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 9 marzo 2013

SPECIALI BICENTENARIO - "Rigoletto" per violino, violoncello e pianoforte


Grande appuntamento lunedì all'Auditorium del Carmine
UN "RIGOLETTO" TUTTO DA SCOPRIRE

Gli Amici della Lirica del Cral Cariparma, in collaborazione stavolta con la Fondazione Arturo Toscanini, propongono un nuovo evento di assoluto interesse, che avrà luogo lunedì 11 alle 20,30 nella tradizionale cornice del suggestivo auditorium dell’ex chiesa del Carmine - Va in scena una edizione inedita del “Rigoletto” di Giuseppe Verdi, eseguita dal Trio della “Toscanini”, la violinista Mihaela Costea, la violoncellista Diana Cahanescu e l’autore della trascrizione dell’opera, Viktor Derevianko al pianoforte - Condurrà la serata, con alcune sorprese, Paolo Zoppi

di ACHILLE MEZZADRI

È possibile che tre strumentisti da soli, seppur di grande valore, rappresentino quasi integralmente Rigoletto, la sedicesima opera verdiana, uno dei capolavori assoluti del Maestro delle Roncole? Sì, è possibile, e ce lo dimostrerà lunedì sera all’Auditorium del Carmine Viktor Derevianko, che ha curato la trascrizione dell’opera in una versione per violino, violoncello e pianoforte. Al piano ci sarà lui, evidentemente, al violino Mihaela Costa e al violoncello Diana Chanescu. Per i melomani, dunque, la grande occasione di rivisitare il capolavoro verdiano in chiave concertistica. Una “chicca” da non perdere. Una “chicca” nata dalla fervida fantasia di Paolo Zoppi, il presidente degli Amici della lirica, che ogni volta ........

LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: