O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 13 marzo 2013

La clamorosa gaffe della Cei: "Scola è Papa"

INCREDIBILE MA VERO: ALLE 20,23 LA CEI SCRIVEVA
AI GIORNALISTI ACCREDITATI IN VATICANO:
"AUGURI AL PONTEFICE SCOLA"
Incredibile ma vero: ai giornalisti accreditati in Vaticano, che hanno seguito in questi giorni il Conclave, alle 20,23 il Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana (la Cei), monsignor Mariano Crociata (nella foto), ha inviato questa mail: "Il Segretario Generale esprime i sentimenti dell'intera Chiesa italiana nell'accogliere la notizia dell'elezione del Cardinal Angelo Scola a successore di Pietro. "Il mistero della Chiesa, corpo vivo, animato dallo Spirito Santo, che vive realmente della forza di Dio - costituisce per tutti noi la ragione della vita.  Al nuovo Papa, con le ultime parole di Benedetto XVI, la Chiesa italiana promette già da subito reverenza ed obbedienza".

Nessun commento: