O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént.


giovedì 14 marzo 2013

I racconti di Pramzanblog: Giampaolo Cremonesini

"RICORDANDO IL VERMIGLIO DELL'ALBA"

Continuiamo la serie "I racconti di Pramzanblog" con un testo di Gian Paolo Cremonesini, imprenditore parmigiano "strajè" a Pordenone, che ricorda i colori dell'alba quando ragazzo, d'estate, andava a lavorare allo zuccherificio Eridania, dove ora c'è l'Auditorium Paganini - Ricordi personali che fanno rivivere l'atmosfera di quei tempi ormai lontani 


IL RACCONTO DI CREMONESINI

1 commento:

bedo ha detto...

E' un racconto meraviglioso, immagini suggestive piene di tanta Parma.