O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 16 febbraio 2013

Uno spettacolo molto interessante al Theatro del Vicolo

NEL TEATRINO GIOIELLO TUTTE LE DONNE DI MONTALE
Chiara Tessiore e Federica Ombrato, una giovane attrice parmigiana, mettono in scena sabato 23 e domenica 24 febbraio, nel teatro di vicolo Asdente “La Mosca. Almeno un milione di scale”, di Chiara Tessiore, uno spettacolo che propone la vicenda umana del grande poeta Eugenio Montale, divisa tra la compagna della sua vita, Drusilla Tanzi (la Mosca), e le sue “Muse - amanti”, Maria Luisa Spaziani (la Volpe), Anna Degli Uberti (Arietta) e Irma Brandeis (Clizia)
In alto: la locandina, le due attrici durante le prove, Federica Ombrato; sopra: Chiara Tessiore e Eugenio Montale con la moglie Drusilla Tanzi
di ACHILLE MEZZADRI
Uno spettacolo da non perdere. Non perché mi è arrivata la locandina. Non perché sono in possesso di un’esauriente spiegazione dello spettacolo. Non perché una delle due attrici che lo interpretano, Federica Ombrato, è parmigiana. La Mosca. Almeno un milione di scale, che andrà in scena al Theatro del Vicolo sabato 23 e domenica 24 febbraio, alle ore 21, è secondo me uno spettacolo da non perdere perché, per chi ha amato e ama la poesia di Eugenio Montale, il premio Nobel per la letteratura 1975 scomparso 31 anni fa, è un’occasione molto sfiziosa per conoscere da vicino, intimamente, il Vate di Ossi di seppia. Del quale, in teoria, si do-vrebbe sapere già tutto grazie ai libri, agli articoli, ai documentari, che si sono occupati di lui. Non sempre però si è scavato a sufficienza sulla sua vita quotidiana, per esempio la sua paura del buio, la sua ........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: