O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 25 febbraio 2013

Dubbi sulla regolarità delle elezioni

I SEGNI FATTI CON LA MATITA COPIATIVA
SI POSSONO CANCELLARE CON UNA NORMALE GOMMA
Ho appena votato in una sezione di Milano e dopo aver letto che i segni fatti sulle schede elettorali con le matite copiative passate dallo Stato si potevano cancellare con una normale gomma, ho voluto provare. Ecco il risultato della prova: è vero. Su un foglio normale è stato abbastanza facile, non si vedeva nemmeno un segnetto. Sulla scheda è stato meno facile, ma il segno cominciava ad andare via... I particolari in un prossimo articolo che scriverò al ritorno. Buon voto a tutti.

Nessun commento: