O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 8 febbraio 2013

Domani la festa di compleanno di Francesco Canali

QUARANTACINQUE ANNI CIRCONDATI D’AMORE

L’ex atleta parmigiano che da anni combatte una battaglia contro la terribile Sla ha compiuto 45 anni il 31 gennaio e domani sera sarà festeggiato dagli amici al Circolo Green Bar di Sorbolo Levante - La festa sarà un vero e proprio evento: avrà luogo, con il dj Omar alla consolle e con la live band Elvis Rock Now, in atmosfera anni Settanta, per sottolineare la passione che Francesco, per gli amici “il Canna”, ha avuto per Elvis Presley durante l’infanzia e l’adolescenza

di ACHILLE MEZZADRI
Mi verrebbe da fare, a Francesco Canali, una domanda choc: “Ma tu, in fondo, ti senti fortunato?”. Perdio, ma come si fa a chiedere a un malato di Sla, un ex atleta, un uomo che correva sui parquet dei palazzetti a inseguire canestri e che si massacrava in maratone spompapolmoni, se si considera fortunato... Da aspettarsi, se potesse risponderti, che ti mandi, minimo, al diavolo. Invece penso che il “Canna”, così lo chiamavano i compagni di scuola, anzi, il “Magic Canna”, mi farebbe, con un cenno, un segno di approvazione. “Sì”, mi farebbe capire. Perchè, cari amici che state leggendo questo articolo, Magic Canna è uno tosto assai. È uno che non demorde, che non si arrende. Uno che sa prendere la malattia per il bavero e le fa: “Ok, ci sei, ma ci sono anch’io. Conviviamo. Andiamo avanti insieme. Tu ed io. Io e i miei amici”. Che sono tanti. Perché questa è una storia di dolore, ma soprattutto una storia di amicizia. Una meravigliosa storia di amicizia che sarebbe piaciuta .............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: